È stata scoperta una nuova barriera corallina con i coralli a forma di rosa

È stata scoperta una distesa di coralli a forma di rosa al largo delle coste di Tahiti. La speranza è che sia una nuova barriera corallina.

Barriera Corallina
Una distesa di coralli a forma di rosa – AdobeStock – Foto di repertorio

Arriva finalmente una notizia positiva dal mondo della natura che, dopo l’eruzione del vulcano Tonga, ne aveva nettamente bisogno. Sembra infatti che sia stata identificata una nuova barriera corallina incontaminata i cui coralli sono a forma di rosa e si trovano al largo delle Coste di Tahiti nella Polinesia francese. L’Unesco ha dichiarato che questa sembra essere una delle più grandi barriere coralline trovate alla profondità di 30 metri e sembra essere un buonissimo segnale, valendo allo stesso tempo come un monito affinché non venga rovinata.

L’incredibile scoperta

A trovarsi per la prima volta davanti a questa barriera corallina è stata una ricercatrice locale che, durante un’immersione con un club di sub ha visto questi coralli a forma di rosa ed è rimasta sconvolta. Ha capito subito che c’era qualcosa di speciale proprio perché tutta l’area sembrava completamente priva di interazione con l’uomo e i coralli non avevano subito alcun tipo di sbiancamento non risultando quindi, apparentemente, come vittime del cambiamento climatico.

Dove si trova la nuova barriera corallina?

La barriera si trova tra i 35 e i 70 metri di profondità, cosa che molto probabilmente l’ha preservata dallo sbiancamento che ha colpito invece altri coralli che si trovano più in superficie. Per via del cambiamento climatico e dell’interazione con l’uomo i coralli che noi conosciamo hanno subito nella stragrande maggioranza questa perdita di colore, lo sbiancamento, che poi li porta alla alla morte.

Questa nuova barriera con i coralli a forma di rosa oggi è quindi una sorta di unicum e bisogna capire come sia riuscita a resistere al cambiamento climatico e alla contaminazione con gli uomini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da La quinta pata (@la5pata_ec)

 

La speranza, neanche a dirlo è che questi coralli così in profondità aiutino l’ecosistema del oceano a trovare nuova forza e vitalità.