Restrizioni di Natale contro il Covid: tutte le misure del governo

Restrizioni di Natale contro il Covid: tutte le misure del governo. Tutte le nuove misure per contenere i contagi.

restrizioni natale covid
Restrizioni di Natale contro il Covid: tutte le misure del governo (Mercatino di Bolzano. Foto di Francesca Volpi/Getty Images)

Arriva la stretta dal governo per contenere la rapida impennata di contagi da Coronavirus che negli utlimi giorni e letteralmente schizzata in alto. Giovedì 23 dicembre si sono avuti in Italia 44.595 casi giornalieri, il numero più alto mai registrato dall’inizio della pandemia, anche se con un numero di tamponi giornalieri molto più elevato dalla primavera 2020.

Mentre in Europa diversi Paesi chiudono bar, ristoranti, cinema e teatri, reintroducono il coprifuoco insieme lockdown parziali e totali, l’Italia aumenta le restrizioni ma lascia i locali pubblici aperti. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Natale in Vaticano 2021: le celebrazioni con Papa Francesco

Restrizioni di Natale contro il Covid: tutte le misure del governo

Il governo introduce nuove misure restrittive in vista delle feste di Natale e Capodanno per contenere i nuovi casi di Covid che stanno dilagando in tutta Italia, sospinti anche dalla nuova variante Omicron che secondo gli ultimi dati dell’Istituto Superiore di Sanità ha raggiunto il 28,2% dei casi. Di seguito le nuove misure previste dal governo con il nuovo decreto festività.

Obbligo di mascherina all’aperto, anche in zona bianca fino al 31 gennaio 2022.

Obbligo di mascherina FFP2 su tutti i mezzi di trasporto pubblico , a lunga percorrenza e locale (treni, aerei, traghetti, autobus, tram e metropolitane) al cinema, teatro, sale concerto, locali per musica dal vivo e per eventi sportivi, sia al chiuso che all’aperto (stadi). L’obbligo resterà in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza, il 31 marzo prossimo.

Vietato il consumo di cibo e bevande al chiuso: nei cinema, teatri e palazzetti di eventi sportivi.

Dal 25 dicembre, il Green pass rafforzato (per vaccinati e guariti) sarà richiesto anche per consumare al bancone di bar, enoteche, pub e ristoranti. Il Green pass con tampone sarà valido solo per i tavoli all’aperto.

Super Green pass sarà necessario anche per accedere a palestre, piscine, centri termali e benessere (escluse le cure termali previste dai livelli essenziali di assistenza), musei, mostre, parchi tematici e di divertimento, centri culturali, sociali e ricreativi al chiuso, sale gioco e scommesse, sale bingo e casinò. Tutti luoghi dove in zona bianca si accedeva ancora con il Green pass di base con tampone. Queste nuove regole, tuttavia, entreranno in vigore solo dal 10 gennaio 2022.

Ridotta la durata del Green pass da 9 a 6 mesi, a partire dal 1° febbraio 2022. Mentre il tempo per la durata del richiamo della terza dose di vaccino è ridotto a 4 mesi.

Mega Green pass (tre dosi di vaccino) o tampone accedere alle Rsa, già dal 30 dicembre fino al 31 marzo. Servirà dunque il Green pass con terza dose di vaccino, chi ha completato solo il ciclo primario della vaccinazione dovrà presentare anche un tampone negativo.

Green pass con tampone anche per frequentare i corsi di formazione in presenza.

Vietati eventi, concerti e feste all’aperto con assembramenti, fino al 31 gennaio 2022. Il decreto dispone anche la sospensione di discoteche e sale da ballo fino al 31 gennaio.

Pranzi e cene di Natale: non sono previsti limiti al numero degli ospiti in casa.

Viaggi: tutti coloro che arrivano in Italia dall’estero saranno sottoposti a controlli a campione con il tampone. Chi viene trovato positivo dovrà stare in isolamento fiduciario per 10 giorni in Covid hotel.

Natale a Roma