La casa di Natale a Melegnano: spettacolo di luci da record

Una casa con migliaia di luci natalizie è un’attrazione da vedere. Si trova in Italia è la casa di Babbo Natale di Melegnano. Quando andare e le date di accensione

casa melegnano
La casa di Babbo Natale a Melegnano: un tripudio di lucine

La casa di Babbo Natale di Melegnano fa invidia a quelle statunitensi. Negli Stati Uniti le case a Natale sono infatti un tripudio di luci e addobbi e i giardini sono invasi da babbi natale, renne e alberi di Natale di ogni forma e colore. Uno spettacolo meraviglioso. Tanto che un quartiere di Brooklyn, famoso proprio per gli addobbi delle case, è meta dei tour natalizi nella Grande Mela.

E in Italia ci sono case di Natale illuminate così? Sì, e perfino di più. Almeno una. Se volete strabuzzare gli occhi davanti a una casa che pullula di lucine colorate dovete andare vicino Milano dove si trova la cosiddetta casa di Babbo Natale di Melegnano.

Leggi anche -> L’albero di Natale di Gubbio è il più grande del mondo <<

La casa di Natale di Melegnano: record di luci

Non è un villaggio di Natale, né tantomeno un mercatino, bensì è una casa di un privato cittadino che è diventata negli anni un’attrazione nazionale. Ci troviamo a Melegnano, un piccolo centro a due passi da Milano, con una storia importante alle spalle – fu al centro di epiche battaglie nel Medioevo – e dove oggi poter ammirare un bel castello di origine trecentesca e importanti chiese rinascimentali e gotiche.

Ma ciò che fa arrivare frotte di turisti a Melegnano a dicembre è la casa di Babbo Natale, o meglio la casa del signor Massimiliano Goglio. Da vent’anni Goglio addobba la sua casa con migliaia di lucine. Quando iniziò, nel 1998, le luci erano ‘appena’ 8 mila, ora sono oltre 500 mila ed è diventato un vero e proprio spettacolo.

Con questi fili colorati, generalmente oltre 10 km, Goglio, informatico diventato ormai creatore di spettacoli luminosi, crea nel suo giardino di tutto: slitta di Babbo Natale, alberi, elfi, renne, pacchi natalizi e molto altro ancora.

Il lavoro è enorme e come racconta lo stesso proprietario inizia a preparare il giardino sin da metà agosto! Ci sono infatti metri e metri di fili da posizionare, tubi luminosi lungo il profilo del tetto e della casa. E poi le piante e gli alberi presenti nel giardino devono essere sistemati. Il prato viene tutto ricoperto di luci. Infine c’è la fase del collaudo.

Casa di Babbo Natale di Melegnano 2021: date di accensione e come arrivare

Ora dopo mesi di lavoro è tutto pronto e sono state comunicate le date di accensione della Casa di Babbo Natale di Melegnano 2021: sabato 11 dicembre alle ore 17. A quell’ora l’interruttore verrà spostato su ON e migliaia di luci verranno accese, creando giochi di luci che lasciano a bocca aperta. La casa si potrà ammirare tutti i giorni fino al 6 gennaio 2022 dalle 17 alle 21.

Lo spettacolo della casa di Melegnano si può ovviamente ammirare solo dall’esterno, dal marciapiede di fronte, ed è totalmente gratuito. Per quanto infatti sia diventato famoso, il signor Goglio continua ad addobbare la sua casa per amore del Natale e per vedere sorridere grandi e bambini che passano davanti la sua abitazione.

Per andarci segnate sul navigatore via dei Platani 33, Melegano, è appena 10 km fuori Milano. Dal centro sono circa una ventina di km e si raggiunge facilmente con l’A1. Si trova poco dopo l’IKEA di Milano San Giuliano proseguendo verso sud. Se invece vi muovete con i mezzi dalla stazione di Milano Centrale potete prendere il treno per Lodi e in mezzora siete arrivati o altrimenti c’è il pullman da San Donato Milanese.

Andare a vedere la casa di Babbo Natale a Melegnano è una meraviglia per gli occhi e anche un suggerimento per rendere poi la propria casa più addobbata e con qualche filo di lucine in più!

Previous articleIl costo dei biglietti aerei aumenterà. Le parole del direttore della Iata preoccupano
Next articleBonus terme 2021, ci siamo: quando inizia e come richiederlo
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.