Dove mangiare il panettone più buono del mondo

Le città dove mangiare il panettone più buono d’Italia. La classifica del panettone più buono del mondo

panettone
Dove mangiare il panettone più buono d’Italia e del mondo

Una delle cose più belle del Natale sono le tante prelibatezze che arrivano in tavola. Torroni, pandori e panettoni sono i re indiscussi del periodo natalizio e una tentazione irrinunciabile. Dolci tipici italiani di antichissima tradizione che si possono trovare oggi ovunque nel periodo festivo, dal supermercato alla pasticceria.

Ma per mangiare i panettoni e i pandori più buoni bisogna andare dagli artigiani del gusto, da chi conserva da generazioni antiche ricette, dai maestri pasticceri specializzati proprio in questi dolci. Ma dove andare a mangiare il panettone più buono d’Italia? Ecco le città dove andare a mangiare il miglior dolce di Natale.

Leggi anche -> Dove mangiare la pizza più buona d’Italia <<

Le città dove mangiare il panettone più buono d’Italia

Le origini del panettone sono antichissime, sembra risalire al Medioevo, ed il suo luogo di nascita è Milano. Secondo la leggenda alla corte degli Sforza, in una notte di Natale di metà del 1400, l’aiuto cuoco Toni bruciò il dolce previsto.

Non sapendo cosa fare prese un panetto di pasta lievitata e aggiunse degli ingredienti che aveva a portata, uvetta e canditi. Il risultato fu sorprendente, tutti lo apprezzarono e quel dolce venne detto ‘pan di Toni’ ovvero Panettone.

panettone dove
Milano la patria del ‘Pan de Toni’

Da allora Milano ha conservato gelosamente quell’eredità culinaria e nelle sue più prelibate pasticcerie si può mangiare indubbiamente uno dei panettoni migliori d’Italia. Ecco gli indirizzi storici dove andare:

  • Pasticceria Cova, via Monte Napoleone, 8
  • Pasticceria Martesana, via Cagliero, 14
  • Pasticceria Sant Ambroeus, corso Matteotti, 7

Ma il panettone più buono non si mangia solo a Milano, in Lombardia. Un po’ come per la pizza, anche questo dolce natalizio è stato esportato e si trovano artisti di questo dolce anche in altre città. Anzi il migliore del mondo 2021 non è a Milano.

Dove mangiare i panettoni più buoni d’Italia

Il concorso ‘The Best Panettone of the World 2021’ organizzato dalla Federazione Internazionale pasticceria, gelateria e cioccolateria ha riunito 300 pasticceri da tutto il mondo. Ad aggiudicarsi il premio per il miglior panettone del mondo è stato non un lombardo, ma a un romano, Fabio Albanesi.

Il panificatore, con una lunghissima esperienza nei forni della Capitale, ha due locali dove poter assaggiare la sua specialità, eletto il panettone più buono del mondo: a Fiano Romano, paese vicino Roma, facilmente raggiungibile dalla bretella della A1 e Senigallia, incantevole cittadina marchigiana sul mare.

  • Pregiata Forneria Albanesi via Tiberina 108, Fiano Romano (Roma) e via Raffaello Sanzio, 389 Senigallia (Ancona)

Riconoscimento per il miglior panettone lievitato è andato a un pasticcere bolognese, Luca Porretto. Il suo locale si trova a Sabbuino, paese dei colli bolognesi dove si trova anche il Museo Lamborghini. Se fate un giro da queste parti fra tortellini e mortadella nel periodo natalizio assaggiate anche in panettone.

  • pasticceria Beverara, via Giacomo Matteotti 185 Sabbuino (Bologna)
dove mangiare panettone
I dolci tipici natalizi sono una tradizione irrinunciabile

Se mangiare il panettone a Milano durante le festività natalizia è una delle cose da fare nella vita, potete andare anche in altre parti d’Italia per mangiare il Panettone più buono d’Italia.

 

Previous articleDove si può andare all’estero: regole fra Green Pass e tamponi
Next articleGuida dell’Austria: alla scoperta di città e montagne
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.