Serve il green pass per alberghi, agriturismi e campeggi? Le regole di accesso

Come funziona per alloggiare negli hotel e nei resort, campeggi e B&B o per mangiare nei ristoranti degli alberghi o accedere alle piscine. Le regole sul Green pass per alberghi e strutture ricettive

green pass in albergo
Serve il Green Pass per andare in albergo?

Il Green Pass è entrato ufficialmente a far parte della vita degli italiani. Dal 6 agosto per mangiare in un ristorante al chiuso o per entrare in un museo è obbligatorio infatti esibirlo. Ma in molti si chiedono se il Green Pass sia necessario averlo anche per andare in hotel, per stare in un campeggio.

E poi ci sono i dubbi sui ristoranti degli alberghi, per assistere agli spettacoli negli anfiteatri dei villaggi o per fare un tuffo nella piscina del resort. Ecco tutte le regole sull’uso del Green Pass per alberghi, campeggi, villaggi turistici agriturismi.

Leggi anche -> Green Pass obbligatorio su treni, aerei e navi: ecco da quando <<

Green pass per alberghi: come funziona

Mentre preparate la valigia per le agognate vacanze un dubbio vi attanaglia: ma servirà il green pass per fare il check-in in hotel? Se siete vaccinati avrete sicuramente già scaricato il certificato verde e doverlo eventualmente esibirlo non sarà un problema, se invece ancora non lo siete organizzarvi con il tampone potrebbe essere più impegnativo.

Ricordiamo che il Governo ha stabilito che il prezzo dei tamponi presso farmacie e strutture sanitarie è di 8 euro per i ragazzi fra i 12 e i 18 anni e di 15 euro per gli over 18.

green pass hotel
Per andare in Hotel non serve il Green Pass. Ma potrebbe servire per il ristorante

In ogni caso la domanda è: serve il green pass in hotel? La risposta è: no. Per alloggiare in alberghi, pensioni, agriturismi, resort e villaggi non è necessario il certificato. Una volta arrivati vi registrerete alla reception come sempre e prenderete poi possesso della vostra stanza.

Valgono ovviamente tutte le misure di precauzione anti-covid: in tutti gli spazi comuni – dalla hall agli ascensori – è obbligatorio indossare la mascherina, devono essere previsti percorsi separati per chi sale e per chi scende dai piani ed è necessario mantenere sempre la distanza interpersonale di almeno un metro.

Fare colazione in hotel: serve il Green Pass?

Se è quindi acclarato che il green pass per alberghi non serve e per entrare nella propria stanza di hotel non serve nessun certificato, c’è la questione ristoranti. Ovvero la colazione o i pasti nel ristorante dell’hotel. Si può andare a fare colazione in hotel senza mostrare il green pass? Sì, si può andare.

Gli ospiti dell’albergo o del resort hanno libero accesso al ristorante, anche se al chiuso, e non sono tenuti a mostrare il Green Pass. Ma attenzione: se si tratta di un ristorante aperto anche ad ospiti esterni – dunque non ad uso esclusivo degli ospiti dell’albergo – in quel caso è necessario avere il green pass per pranzare o cenare.

C’è da dire inoltre che molti alberghi causa Covid propongono la colazione in camera senza sovrapprezzo per evitare gli affollamenti da buffet.

Green pass per campeggi e villaggi turistici: le regole

certificato covid per campeggio
Per andare in campeggio non serve il Green Pass

Il Certificato verde anti covid è una misura introdotta per aumentare il grado di sicurezza negli ambienti chiusi, ovvero quelli dove il rischio di contagio è più elevato. E’ chiaro dunque che in un ambiente aperto come un campeggio o un villaggio turistico il green pass non è necessario.

Se dunque viaggiate in tenda o in camper potete andare a piazzare i vostri picchetti senza dover esibire nulla all’ingresso del camping. Certo, le regole di precauzione anti-covid sono da seguire con attenzione specie nelle zone comuni come quelle dei bagni e delle docce dove è obbligatorio mantenere la distanza di sicurezza.

Lo stesso vale per i villaggi turistici ricordandosi che in tutte le situazioni in cui non è possibile mantenere la distanza di sicurezza va indossata la mascherina.

Piscine di hotel e campeggi: quando serve il green pass

Non vedete l’ora di arrivare in hotel per tuffarvi nella splendida piscina vista mare che avete visto in foto? Oppure sognate la vacanza in villaggio per far divertire i vostri ragazzi nelle piscine?

Bene, sappiate che per accedere alle piscine all’aperto degli hotel o dei campeggi non è necessario il Green Pass. E non serve nemmeno se si tratta di una piscina aperta anche ad ospiti esterni. Trattandosi di una struttura all’aperto rientra fra quei luoghi per cui non è previsto il certificato.

piscina serve green pass
Per accedere alle piscine al chiuso degli hotel è necessario il green pass

Piscine, spa e palestre al chiuso degli alberghi: certificato necessario

Diverso è il discorso quando si parla di un ambiente al chiuso come quello delle palestre degli hotel o dei centri benessere dove si trovano piscine al chiuso e spa. In questi casi anche si è ospiti dell’albergo è necessario per accedervi mostrare il green pass.

 

 

 

Previous articleMeteo dal 9 agosto con caldo record: inizia la settimana di fuoco
Next articleGreen pass per entrare ai Musei Vaticani, ce l’ha anche il Papa
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.