Serve il Green Pass per viaggiare in Italia? Le regole per treni, aerei e navi

Quali sono le regole per gli spostamenti in Italia. L’utilizzo del Green Pass in Italia per viaggiare

green pass per viaggiare in italia
Le regole per viaggiare in Italia su treni, aerei e navi: serve il green pass

Dal 6 agosto sarà obbligatorio avere il green pass in Italia per andare a visitare una mostra o per mangiare in un ristorante al chiuso. Ma non sarà necessario per prendere un treno o un aereo. Il governo Draghi ha approvato l’estensione del Certificato Verde in tutti i luoghi al chiuso a rischio assembramento, ma ha escluso dal Decreto Legge – per il momento – la questione dei trasporti. Si tratta però solo di un rimando temporale. Ecco dunque quali sono le regole per viaggiare in Italia su treni, aerei e navi.

Green Pass: non è obbligatorio per viaggiare in Italia

Per spostarsi in Italia non è obbligatorio il Green pass. Il certificato verde approvato dal Governo Draghi non è stato esteso al comparto dei trasporti nazionali. Dunque per il momento non è richiesto nessun documento per prendere un treno, né per salire in aereo per un viaggio nazionale, né per prendere un traghetto per raggiungere una delle nostre isole.

Sardegna e Sicilia hanno firmato delle ordinanze con tampone obbligatorio per chi arriva dall’estero, ma per chi si muove all’interno della Penisola nessuna restrizione.

Invece il Green Pass è obbligatorio se si vuole andare in vacanza all’estero. Il Green Pass Europeo è entrato in vigore il 1 luglio ed è un documento obbligatorio per poter viaggiare all’estero (è richiesto da tutti i Paesi dell’Unione) ed è indispensabile anche per rientrare in Italia.

In ogni caso chi vuole andare in vacanza fuori dal nostro Paese – e per rientrare in Italia – dunque deve essere vaccinato, oppure presentare un test negativo (molecolare nelle 72 ore precedenti, antigenico nelle 48 ore) oppure avere un certificato di guarigione dal Covid. Alcuni Paesi come la Grecia, chiedono oltre il Green Pass anche il PLF, ovvero un modulo da compilare online sulla destinazione del proprio viaggio.

Le regole per viaggiare in Italia in treno, aereo e nave agosto 2021

Per il momento chi si sposta in Italia con treni, aerei o nave non deve presentare nessun documento. I treni continueranno a viaggiare dunque a capienza ridotta e con l’obbligo del distanziamento fra passeggeri. Potranno sedere vicino solo persone conviventi.

Italo ha dotato però intanto i suoi treni del filtro HEPA, lo stesso che si usa negli aerei e che permette il ricambio completo dell’aria ogni tre minuti. Ed è proprio grazie a questo sistema di filtraggio che gli aerei viaggiano al 100% della capienza.

Sia su treni, aerei e navi vige l’obbligo di indossare sempre la mascherina e chi si rifiuta di indossarla si vedrà rifiutato l’imbarco.

Green pass a settembre su treni, aerei e navi in Italia

Il decreto legge sul Green Pass che entra in vigore il 6 agosto 2021 ha lasciato fuori come abbiamo visto i trasporti. Ma a quanto pare è solo una questione temporale. A settembre 2021 infatti è previsto un nuovo decreto legge che estenderà ulteriormente il Green Pass includendo anche i viaggi nazionali.

Il certificato verde diventerà dunque obbligatorio sui treni a lunga percorrenza – esclusi dunque i treni regionali – sugli aerei e sui traghetti. Qualche deroga potrebbe esserci sulle navi visto gli spazi aperti, consentendo così i viaggi con biglietto di passaggio ponte anche a chi non presenta nessun tipo di attestazione. Dovrebbero essere esclusi dal provvedimento i trasporti urbani.

L’estensione del Green Pass anche ai treni, aerei e navi il prossimo settembre sarà viziato anche dall’andamento della campagna vaccinale, dalle adesioni e dalla questione epidemiologica. In un Italia con eventuali zone rosse sarà indispensabile un’attestazione per muoversi. L’indirizzo del Governo è quello di applicare il certificato verde il più possibile per non dover rischiare di richiudere e fermare nuovamente l’Italia.

Previous articleTutti i luoghi in cui sarà obbligatorio il Green pass
Next articleBorghi più belli dove andare in vacanza in Italia
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.