Il Cattivo Poeta: le location del film di Castellitto su D’Annunzio

Al cinema “Il Cattivo Poeta”, film sul “Vate” Gabriele D’annunzio. La guida alle location della pellicola con protagonista Sergio Castellitto. 

Il film su D'Annunzio: il Cattivo Poeta le location
Dal 20 maggio al cinema: Il Cattivo Poeta con Sergio Castellitto (Getty Images

Da oggi (finalmente!) nelle sale il film Il Cattivo Poeta, racconto degli ultimi incredibili anni di vita di Gabriele D’Annunzio. Diretto e sceneggiato da Gianluca Jodice e con protagonista Sergio Castellitto, nei panni dell’istrionico scrittore, è ambientato in favolose location. Quali sono i luoghi scelti per raccontare l’essere umano dietro un modo di esistere senza inibizioni?

Il Cattivo Poeta: location del film

film d'annunzio
Il Cattivo Poeta è girato in Italia: al Lago di Garda (pixabay)

Il film, ripetutamente rinviato per la ben nota emergenza sanitaria, è stata girato in Italia e quasi interamente all’interno del celeberrimo Vittorale degli Italiani, la casa-museo sul Lago di Garda in cui D’Annunzio trascorse l’ultima parte della sua vita.

In piccolissima parte, le riprese hanno interessato anche Roma e la città di Brescia. La produzione ha infatti visto collaborare un gran numero di comparse e figurazioni provenienti da tutta Italia: una ricerca accurata per far sì che il film risulti autentico.

Vittoriale degli Italiani, il regno di Gabriele D’Annunzio

A Gardone Riviera, sulle rive del Lago di Garda, imperioso sorge il complesso monumentale noto come Vittoriale degli Italiani o semplicemente “Vittoriale”. Eretto nel 1921 per volontà di Gabriele D’Annunzio, il quale si era perdutamente innamorato del suggestivo panorama visibile dalle sponde del Lago.

Il proposito del poeta? Acquistare la proprietà per farne luogo di memoria personale e collettiva. Un micro-mondo che potesse raccontare la sua vita e quella del popolo italiano durante il primo conflitto mondiale. Difatti, l’enorme casa raccoglie cimeli, sculture, reliquie e opere d’arte di ogni tipo. Intorno, maestosi giardini dove si può trovare un anfiteatro, corsi d’acqua e piccole piazze.

film su d'annunzio
Il Vittoriale degli Italiani è una casa-museo con cimeli e statue (pixabay)

Disseminati nell’area si possono anche trovare, a sorpresa, la nave militare Puglia, l’aereo di costruzione italiano, S.V.A, e il sottomarino MAS 96. Infine, sulla sommità del Vittoriale, si erge il monumento funebre di Gabriele D’Annunzio.

Una vera e propria “altra” dimensione che rispecchia perfettamente la figura dello scrittore, da sempre considerata immagine rappresentativa del quel “vivere inimitabilmente” di cui si era sempre fatto portavoce.

Come arrivare al Vittoriale degli Italiani

In auto il Vittoriale può essere raggiunto, percorrendo l’autostrada del Brennero A22 e prendendo l’uscita “Rovereto Sud”, per arrivare poi fino a Gardone Riviera. Il parcheggio attorno al complesso è a pagamento e occorre sempre acquistare il biglietto per esporlo.

Il treno il viaggio è più complicato. Le stazioni più vicine sono quelle di Brescia e Desenzano e, di conseguenza, è necessario prendere un autobus di linea che percorre tutta la costa del Lago di Garda.

Tra l’altro, proprio quest’anno il Vittoriale festeggia 100 anni ed è prontissimo ad accogliere i visitatori. Perché dopo la visione del film, vi verrà sicuramente voglia di prenotare il tour in questo luogo unico e speciale. Il costo del biglietto è di 16 euro. Approfittane.

Di cosa parla il film?

Il lungometraggio ripercorre fedelmente gli avvenimenti storici, a partire dal 1936, tramite il dialogare del giovane federale Giovanni Comini con il Vate. Il ragazzo, infatti, fu incaricato di sorvegliare D’Annunzio, affinché non potesse intromettersi nell’imminente alleanza di Mussolini con la Germania di Hitler.

Quindi la pellicola si pone l’obbiettivo di delineare il ritratto, il più veritiero possibile, di un personaggio così unico nel panorama della cultura italica. Definibile poeta,scrittore, un”one man show”, D’Annunzio aveva fatto della sua vita un’opera d’arte e con lui tutto ciò che gli apparteneva.