Museo Archeologico di Napoli 2021: le mostre e le collezioni

Con il ritorno della zona gialla in Campania tornano anche le mostre dal vivo, come quelle organizzate dal MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Ecco quali sono in programma per questo 2021.

Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Museo Archeologico di Napoli, le mostre 2021

Dallo scorso 28 aprile 2021 il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ha riaperto i battenti ai suoi visitatori, che non aspettavano altro di poter tornare ad ammirare le sue meraviglie. In programma c’è una mostra molto attesa a Napoli e in tutta Italia, Gladiatori.

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN) è stato fondato dai Borbone, alla fine del XVIII sec., ed è il più antico museo d’Europa.

Custodisce al suo interno preziosissime collezioni e reperti archeologici stagliatisi tra l’età preistorica e quella tardo-romana, a cui si aggiungono molteplici collezioni storiche, tra le quali quelle della famiglia Farnese, dei Borgia e la collezione dell’antico Egitto.

I Gladiatori in mostra al Museo Archeologico di Napoli

La riapertura del Museo Archeologico Nazionale di Napoli accoglie una mostra molto affascinante: “Gladiatori”, che resterà in mostra fino al 6 gennaio 2022.

Una grande mostra al MANN, iniziata proprio il giorno della riapertura dei musei ovvero il 28 aprile 2021, dove sono stati esposti 160 straordinari reperti nel Salone della Meridiana.

Tra questi elmi, scudi, schinieri, spallacci, cuspidi di lancia, pugnali, spade, esposti raramente nella loro completezza e spesso in giro per il mondo per mostre internazionali. Essi furono fonte d’ispirazione per il celebre film di Ridley Scott Il Gladiatore con Russel Crowe, e ora entreranno a far parte stabilmente del nuovo allestimento pompeiano.

L’esposizione, dedicata a tutti gli appassionati della storia antica e divisa in diverse sezioni, coniuga archeologia e tecnologia per raccontare il mito più famoso di tutti i tempi.

Infatti, la tecnologia fa la sua parte nella mostra “Gladiatori”. Durante il percorso si incontrano ricostruzioni digitali delle pitture dell’Anfiteatro di Pompei, oggi perdute, mentre contenuti multimediali sono protagonisti della sezione Off, Gladiatorimania, che declina il mito dei gladiatori in versione contemporanea tra cult cinematografici e  ambienti 3D.

Le collezioni permanenti del MANN

Oltre alle mostre e agli eventi, la bellezza del Museo Archeologico Nazionale di Napoli sta proprio nelle sue collezioni permanenti, un vero tesoro d’arte antica.

Il Museo Archeologico, infatti, oltre a contenere i ritrovamenti degli scavi di Pompei, ospita reperti dell’età greco-romana, le antichità egizie ed etrusche della collezione Borgia e le monete antiche della collezione Santangelo

Collezione Farnese Museo Archeologico Napoli
Museo Archeologico di Napoli, Collezione Farnese
Credits: Google Immagini

Di seguito vi elenchiamo le collezioni più belle del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che potete trovare in ogni momento.

  • Collezione Farnese 

La creazione di questa collezione si deve ad Alessandro Farnese, diventato poi Papa Paolo III, e alla sua famiglia. Dopo la morte di tutti gli uomini della famiglia, questo tesoro passò nelle mani di Carlo di Borbone che trasferì l’intera collezione, dai palazzi romani al nascente Museo di Napoli.

Pezzi unici di scultura antica, tra cui alcuni ritrovamenti fatti alle Terme di Caracalla, gemme e intarsi preziosi dette appunto “farnesi, e stupendi ritratti.

  • Collezione epigrafica

Una delle perle del Museo Archeologico di Napoli è la collezione epigrafica.

Testimonianze preziose per la storia dell’epigrafia, poiché questa collezione è composta da oltre duemila documenti in lingua latina, greca e nei dialetti dei popoli italici.

Tra i pezzi più significativi troviamo le cosiddette Tavole di Eraclea, lastre bronzee incise su entrambe le facce, con testi in greco e latino di età differente, le Laminette Orfiche di Thurii, sottili sfoglie d’oro provenienti da due sepolture del IV secolo a. C. appartenenti a una setta misterica, e tanti altri

  • Collezione numismatica

Una raccolta di monete antiche e medaglie, un percorso permanente che racconta la storia della monetazione dell’Italia meridionale dal VI sec. a.C. all’epoca dei Borbone.

  • Villa dei Papiri

Collezione di statue meravigliose in bronzo e marmo, parte dell’arredamento di una Villa aristocratica ritrovata ad Ercolano.

Giorni e orari di visita del MANN

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli si trova nel cuore della città, in Piazza Museo, 19.

Per assistere alla mostra “Gladiatori” e a tutte le esposizioni, è preferibile la prenotazione per rispettare le norme anti Covid-19.

Il Museo è accessibile dalle 9.00 alle 19.30. Chiuso il martedì

Modalità di accesso e di visita

Per visitare al meglio e in sicurezza il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, è necessario sapere che il sabato, la domenica e i giorni festivi si accede solo tramite prenotazione, i biglietti non saranno acquistabili in biglietteria.

Per quanto riguarda i gruppi, possono essere composti da un massimo di 10 persone, esclusa la guida.