Pesce d’aprile: ecco i 7 scherzi che sono passati alla storia

Pesce d’aprile. Scopriamo quali sono stati gli scherzi che sono passati alla storia. Un piccolo elenco per ripercorrere momenti esilaranti. 

Il primo aprile è il giorno preferito da chi ama fare scherzi e strappare una risata. Alcuni però sono riuscite a far cadere nel loro tranello moltissime persone.

Scopriamo insieme quali solo stati gli scherzi e le burle che hanno fatto abboccare milioni di persone. Dagli spaghetti cresciuti sugli alberi a un falso Nixon. Vediamoli insieme.

Pesce d’aprile: ecco tutto quello che c’è da sapere sugli scherzi più famosi

Nel 1992 un annuncio alla radio NPR americana lascia i cittadini statunitensi senza parole. Richard Nixon, il presidente meno apprezzato della storia, ha deciso di ricandidarsi. L’ex Presidente si presentava con un nuovo e accattivante sloga: “Non ho fatto niente di sbagliato, e non lo farò più”. Una notizia che ha sconvolto i cittadini che in men che non si dica hanno tempestato la redazione di chiamato. Fortunatamente verso la fine del programma gli autori hanno rivelato lo scherzo. Chi era l’autore? Rich Little, comico e imitatore molto amato dal pubblico.

Leggi anche -> Christian De Sica, avete mai visto casa sua? Il bellissimo appartamento di Roma

Un altro scherzo celebre è quello mandato in onda dalla BBC. Un reportage sulla raccolta di spaghetti in Svizzera. Grazie al clima mite, gli spaghetti erano cresciuti rigogliosi sugli alberi. A quei tempi il piatto non era particolarmente conosciuto nel Regno Unito e quindi ci furono molte telefonate di persone interessate a coltivare i propri spaghetti. A chi cercava risposte la BBC rispose: “Mettete una manciata di spaghetti in una lattina di sugo e incrociate le dita”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tra pasta e presidenti non potevano mancare gli UFO. L’avvistamento fu la notte del 31 marzo 1989. Un disco volante sorvolò i cieli di Londra e atterrò appena fuori città. Sul posto intervenne una volante che fece una scoperta strabiliante. Niente UFO, solo una mongolfiera con tante luci dalla quale uscì Richard Branson vestito da E.T. Il multimilionario di Virgin riuscì a strappare una risata ai poliziotti che decisero di non arrestarlo.

Nel 1994 la rivista PC Computing pubblica un’indiscrezione che ha fatto tremate molti utenti della rete. Il Congresso sarebbe stato intenzionato a vietare l’uso di Internet alle persone in stato d’ebrezza. Ad aumentare la burla fu anche il nome del contatto “Lirpa Sloof”, che se letto al contrario fa April Fools.

Leggi anche -> Stasera in tv film – Tutti i soldi del mondo: cast, trama e trailer del film

Il team di Google ha iniziato a fare scherzi nel 2000 senza più saltare un anno. Tra queste troviamo la Google Gulp, una bevanda che migliorerebbe la capacità di usa il motore di ricerca e che aumenterebbe la tua intelligenza. Tra questi il più famoso è l’annuncio de primo insediamento umano su Marte, fatto in collaborazione con la Virgin di Branson.

Non si risparmiano neanche le catene di fast food. Nel 1996, Taco Bell ha pubblicato l’annuncio di acquistato la campana Liberty Bell, uno vero e proprio simbolo americano. La catena voleva ribattezzarla Liberty Taco Bell. E’ chiaro che passarono diverse ore prima che lo scherzo venisse svelato.

L’ultima burla, ma non per importanza, riguarda il Pi greco. Nel 1998 circolò la notizia che lo stato dell’Alabama avrebbe fissato per legge il suo valore a un comodissimo 3. Alla fine si scoprì che la notizia era stata diffusa dal fisico Mark Boslough, noto per la passione per gli scherzi.