Chi l’ha visto, la misteriosa scomparsa di Ervin Vlashi

Chi l’ha visto ritorna con il suo consueto appuntamento. Il programma affronterà la scomparsa di Ervin Vlashi. 

Una scomparsa che risale al 1998. Sono passati 22 anni dalla misteriosa sparizione del piccolo Ervin Vlashi. Il bambino è scomparso nel nulla mentre si trovata nella piccola città di Fushë Krujë, in Albania.

Un mistero che non ha ancora trovato spiegazione. Il bambino fu portato in Italia? Tante ricerche e tante domande alle quali non è stata data risposta. Scopriamo di più sulla sua storia.

Chi l’ha visto, chi è Ervin Vlashi: dall’Albania forse è stato portato in Italia

In base alle ricostruzione della vicenda, il bambino era andato a giocare con due amichetti dopo aver finito i compiti. Ervin era solito allontanarsi da casa da solo per incontrare i suoi amici o per giocare, quindi la sua scomparsa passò inosservata per qualche momento.

Leggi anche -> Olesya Rostova: dove si trova, dove vive oggi e dove è stata trovata

L’allarme per la sua scomparsa scattò verso le cinque di pomeriggio. Sua madre cominciò a cercarlo per tutto il quartiere ma senza successo. Sempre in base alle ricostruzioni, emerse come la polizia non prestò particolare attenzione alla scomparsa del bambino finché non arrivò una telefonata sospetta. Da quanto diceva la voce, Ervin era stato portato in Grecia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il caso fu archiviato e riaperto diverse volte. La sua famiglia aveva deciso di pubblicare la sua storia anche in Italia, ma non si riuscirono a ricavare nuove informazioni. Negli anni la polizia seguì diverse piste. Sia in Grecia che negli Usa c’erano due persone che somigliavano molto a Ervin ma che alla fine non c’entravano nulla con il caso.

Leggi anche -> Stasera in tv – Chi l’ha Visto?: scomparsi e anticipazioni, oggi 31 Marzo

Il mistero attorno alla sua scomparsa non è mai stato risolto. Nonostante le difficoltà, la sua famiglia non ha mai smesso di cercarlo. Chi l’ha visto si impegna ancora una volta a contribuire alle ricerche e a diffondere la sua storia.