Dolci tradizionali di Pasqua, la scarcella pugliese: ricetta, ingredienti e storia

La scarcella pugliese: la storia di questo dolce tradizionale di Pasqua da realizzare per domenica 4 aprile 2021.

Dolci tradizionali Pasqua
La scarcella – AdobeStock credits photo

Si sta avvicinando il 4 aprile 2021, domenica di Pasqua. Sarà una festa molto particolare, quasi come l’anno scorso. Caratterizzata infatti dalla pandemia da Coronavirus ancora in corso e che non accenna a voler rallentare. Come fare allora per trascorrere una Pasqua 2021 in modo più o meno normale e, soprattutto, provando a rispettare le tradizioni? Cucinando i dolci tipi pasquali delle nostre regioni! Un esempio? Dopo avervi raccontato della focaccia veneta è il turno della scarcella (detta anche scarcedda o cuddura), dolce tipico della tradizione pugliese e foggiana.

La tradizione delle scarcella

Oggi la scarcella è un piatto diventato praticamente famoso ovunque in Italia, ma conserva le sue radici saldamente ancorate nella tradizione della città di Manfredonia, in provincia di Foggia, dove è nato. Il nome scarcella, tradotto, significa ciambella ed effettivamente questo dolce ha la forma di una ruota bianca grazie alla glassa che la ricopre.

Per decorare il tutto ci sono o degli ovetti di cioccolato o delle perline argentate multicolore. Un tempo però venivano usate delle uova sode, oppure delle uova di gallina dipinte a mano. Oggi questa tradizione si è un po’ persa, ma una cosa è certa: la scarcella si cucina una settimana prima di Pasqua .

Le origini di questa ricetta pugliese di Pasqua

Secondo alcuni resoconti riportati da AIFB originariamente la scarcella era un piatto salato realizzato con ingredienti molto poveri che tutti potevano reperire facilmente. Quando lo zucchero ha iniziato a diventare un ingrediente comune come gli altri, la scarcella si è trasformata in un piatto dolce di pasta frolla e ricoperto di zucchero appunto!

Le decorazioni, oggi come nel passato, erano tipicamente pasquali e le uova apposte sopra dovevano essere dispari per attirare la fortuna. La forma della scarcella è variata molto negli anni: inizialmente era tonda, come abbiamo già spiegato, ma col passare del tempo è diventata anche a forma di cuore, di bambolina o di gallo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Dolci Passioni (@ninabellino)

Per realizzare le scarcelle basterà navigare online nei siti di ricette per trovare i procedimenti e tutti gli ingredienti necessari per la preparazione. Così potrete tuffarvi nella tradizione pasquale e soprattutto portare a tavola un piccolo pezzetto di Puglia!