Bluetooth, da dove deriva il nome: l’ispirazione della tecnologia

L’origine un po’ bizzarra del nome “Bluetooth”: la tecnologia che ha permesso la trasmissione di dati per reti sicure

Bluetooth

Conosciamo nel dettaglio da dove deriva la parola “Bluetooth“. L’origine è un po’ bizzarra per la tecnologia che è diventa famosa in tutto il mondo per quanto riguarda la trasmissione di dati per reti personali grazie alla frequenza radio sicura a corto raggio. Il nome deriva dal termine scandinavo, la versione anglicizzata di Blåtand/Blåtann, l’epiteto del re della Danimarca e Norvegia Harald “Blåtand” Gormsson, Aroldo I di Danimarca, che è vissuto tra il 935 e il 985. Ma di chi si tratta? Ossia il primo uomo che riuscì ad unificare la Danimarca dal punto di vista sia politico sia religioso.

Leggi anche –> Tradimento scoperto | moglie viene a sapere tutto col Bluetooth | VIDEO

Bluetooth, l’intuizione dell’ingegnere Intel

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tutto deriva dall’intuizione dell’ingegnere Intel, Jim Kardach, che stava leggendo all’epoca il libro “The Long Ships” di Frans Gunnar Bengtsson, che riguarda da vicino la storia sui vichinghi. E così, tra i vari personaggi, era presente  proprio il re danese Harald Gormsson, detto “Bluetooth”. Lo stesso re avrebbe avuto un grosso dente di colore bluastro, mentre per altri amava mangiare i mirtilli; per era un assiduo masticatore di mirtilli. Infine, l’ultima storia riguarda il fatto che il re era solito colorarsi di blu i denti prima della battaglia, per apparire più spaventosi.

Bluetooth