Renato Carosone, chi era la moglie Lita Levidi: sposati per 63 anni

Chi è Lita Levidi, moglie di Renato Carosone (a cui l’uomo dedicò una canzone)? I due sono rimasti insieme per 63 anni: conosciamola meglio.

Renato Carosone (all’anagrafe Renato Carusone) fu un cantautore, pianista, direttore d’orchestra e compositore italiano nato a Napoli il 3 gennaio 1920. Renato Carosone fu uno dei maggiori autori della canzone napoletana e della musica leggera italiana. Nel 1938 il cantautore si sposò con Lita Levidi, con cui rimase per 63 anni.

Un amore immenso

Renato Carosone si innamorò perdutamente di Lita Levidi (il cui vero nome era Italia Levidi) subito dopo averla conosciuta ad Asmara, in Africa. L’uomo si trovava nel continente insieme ad una compagnia d’arte, dalla quale però si divise per continuare da solo il suo viaggio. Ad Asmara, nel Circolo Italia, Carosone iniziò a suonare il pianoforte nell’orchestra e fu così che vide per la prima volta Lita: la giovane veneziana era una delle ballerine più conosciute del posto.

Leggi anche -> Renato Carosone: la carriera, i successi e la morte improvvisa

Follemente innamorati l’uno dell’altra, i due si sposarono a Massaua il 2 gennaio 1938. L’anno dopo nacque il figlio Giuseppe, detto Pino: si dice che il piccolo non fosse davvero il figlio di Renato Carosone, ma che l’uomo lo abbia comunque amato ed accettato completamente. A metà degli anni ’50 il cantautore scrisse la canzone che lo consacrò definitivamente: il titolo era “Maruzzella” e la musa ispiratrice fu proprio la moglie Lita Levidi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alla fine della guerra, nel 1946, Renato Carosone si imbarcò con la moglie Lita Levidi ed il figlio Pino su una nave greca (la Dorotea Paxos) così da poter tornare in Italia. Da Brindisi, dove arrivarono, la famiglia si ritirò a Rota d’Imagna (in provincia di Bergamo). Lì, Renato Carosone aprì un piccolo studio di registrazione: il figlio Pino, invece, diventò ingegnere elettronico. Lita Levidi morì il 19 marzo 2012.