Vaccini, dosi in più a Messina: in poche ore ricevute più di 2mila richieste

Vaccini contro il Covid, a Messina le dosi in più vengono distribuite a fine giornata: in poche ore più di 2mila candidati.

Un’iniziativa intelligente e di successo quella organizzata dai cittadini di Messina per velocizzare la distribuzione del vaccino. Il commissario per l’emergenza Covid, Alberto Firenze, ha deciso di creare un “elenco speciale” di persone volenterose di ricevere il vaccino Pfizer in caso a fine giornata avanzino dosi non utilizzabili i giorni successivi. L’elenco è nato con l’obbiettivo di evitare gli sprechi del vaccino, ed ha ottenuto un incredibile successo a Messina.

Covid 19, ecco come le Regioni si stanno organizzando per gestire le dosi in più

Ieri sera, solo poche ore dopo l’apertura dell’iniziativa al pubblico, all’indirizzo email utile per la prenotazione sono arrivate più di 2mila richieste. Data l’enorme affluenza e disponibilità dei cittadini l’indirizzo è stato momentaneamente chiuso, e resterà inattivo fino a che non sarà possibile garantire il servizio per tutti i richiedenti. I cittadini di Messina, se aventi diritto, quando sarà il loro turno potranno comunque prenotare il vaccino sulla piattaforma nazionale o al numero verde dedicato. Alberto Firenze ha commentato: “L’enorme flusso di ieri è una preziosa testimonianza della voglia delle persone di vaccinarsi il prima possibile. Il nostro compito adesso è accelerare al massimo la macchina vaccinale”.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Striscia la notizia, la denuncia: Molise unica regione senza centro Covid

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Anche il Lazio si è organizzato autonomamente per velocizzare la distribuzione del vaccino. Dopo una consulenza con una task force di Israele, di cui la Regione segue il modello, è stato impostato un “sistema a panchine”: dopo un controllo generale delle presenze alle ore 14:00 di ogni giorno, le varie strutture vaccinali chiamano le persone “in panchina” seguendo l’ordine anagrafico delle prenotazioni. Liste d’attesa simili esistono anche in Lombardia.