Bambino di 4 anni muore dopo aver ingoiato una puntina: mamma disperata

Gli ha bucato un polmone e per lui non c’è stato niente da fare: ora parla la mamma del bambino che a 4 anni è morto per una puntina. 

Axel puntina
La madre del piccolo, Ayla Rutherford, ha pubblicato questa foto online spiegando i pericoli di lasciare puntine in giro per casa quando si hanno figli piccoli

Ayla Rutherford stava per entrare nella doccia quando ha sentito delle grida dal piano di sotto della casa dove viveva con la sua famiglia. Quando è scesa si è trovata davanti una scena tremenda: il marito Josh ricurvo sul figlio della coppia, Axel, nel disperato tentativo di praticare la manovra di Heimlich. Nonostante gli sforzi del padre però il bambino, di soli 4 anni, ha smesso di respirare. Ayla ricorda con orrore la pelle del figlio diventare blu e sempre più fredda ogni minuto che passava.

Una tragedia per colpa di una puntina

Contrariamente a quello che si aspettavano, i dottori hanno scoperto che Axel non aveva ingoiato la puntina: l’aveva inalata. Per qualche motivo, l’oggetto appuntito non si trovava nella gola del piccolo, ma nei condotti respiratori. Axel purtroppo non ce l’ha fatta: è morto dopo una settimana in ospedale, quando ormai i medici si sono resi conto di non poter fare nulla per risvegliarlo.

Leggi anche -> Tragedia sulla neve: bambino muore sotto l’igloo costruito col padre

Ayla Rutherford ed il marito Josh avevano deciso di non far frequentare al figlio la scuola, educandolo invece in casa. Oggi fanno un appello a tutti i genitori che hanno fatto la stessa scelta: “tutti usano le puntine e non ci vuole molto perchè un bambino ne prenda una, se la metta in bocca e si buchi un polmone” ha detto la donna. “Se avete puntine in casa, buttatele via o nascondetele bene. Non vorrei che nessuno provasse ciò che ho provato io”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Proprio perchè la puntina non si trovava nella gola di Axel, tutti gli sforzi fatti dai genitori (come la manovra di Heimlich o la respirazione bocca a bocca) sono serviti a poco. Anche i dottori hanno cercato a lungo nella gola del piccolo, senza però trovare nulla: la puntina si trovava infatti tra le costole di Axel e gli aveva bucato un polmone. Ancora oggi la famiglia non si spiega come Axel abbia potuto inalare l’oggetto.

Axel Tatuaggio
In onore del figlio la madre si è tatuata il suo nome sul polso