Accuse di stupro, l’attore Gérard Depardieu rompe il silenzio

L’attore francese Gerard Depardieu parla per la prima volta da quando è stato accusato di stupro: “sono innocente” annuncia.

“Non ci sono prove, non hanno nulla contro di me: sono molto tranquillo” ha dichiarato Gérard Depardieu in un’intervista a La Repubblica. L’attore francese è stato accusato di violenza nel 2018: la vittima avrebbe dichiarato di essere stata assalita nella villa dell’uomo. “Non posso fare altro che rifiutare tutte le accuse nel modo più chiaro possibile, come ho già fatto davanti agli investigatori”.

L’attore dovrà tornare in tribunale

Le accuse della vittima, una ragazza di 22 anni che per motivi di sicurezza rimane anonima, dopo 9 mesi di indagini erano state respinte. Ad ogni modo, Depardieu dovrà comunque comparire in tribunale: “per me le indagini sono state chiuse perchè non c’erano prove. In tribunale confermerò la mia innocenza: non ho fatto niente, quindi non ho nulla da temere”.

Leggi anche -> Gérard Depardieu indagato per stupro: chi è l’attrice che lo accusa

L’attore, che è stato rilasciato senza necessità di cauzione, ha descritto così la sua prima volta davanti al giudice: “mi sono sentito triste e perplesso davanti ad una storia completamente infondata: i media hanno creato rumore attorno ad un’indagine che io considero chiusa”. L’uomo racconta che gli sembra di vivere con addosso auricolari che riportano sempre notizie brutte (e spesso false).

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Al momento Gérard Depardieu sta lavorando sul set di una serie poliziesca a Parigi. A dargli fastidio particolarmente è una nuova notizia appena riportata dai media francesi: circolerebbe un video dell’attore a letto con la vittima nel 2018. Tale filmato confermerebbe, sempre secondo le fonti, le accuse di stupro. La vittima ha dichiarato che dopo quella notte ha vissuto per un certo periodo in uno stato di completo rifiuto, senza ammettere (neanche a sé stessa) cosa le era successo. Si sarebbe resa conto della gravità della situazione solo dopo essere stata aggredita una seconda volta.