Massimo Ciavarro, la morte del padre lo ha distrutto: un dolore enorme

Massimo Ciavarro è uno storico attore italiano. Nonostante una vita piena di successi, la morte del padre è un dolore che non lo abbandona. 

Ciavarro è senza dubbio uno degli attori più amati e conosciuti. Lo abbiamo visto recitare in diverse serie televisive e film.

Per chi non lo sapesse, l’uomo è il padre di uno dei concorrenti del Grande Fratello Vip 4: Paolo Ciavarro. Scopriamo di più sulla vita di questo attore.

Massimo Ciavarro: la morte del padre è uno dei suoi più grandi traumi

Classe 1957, l’attore nasce a Roma il 7 novembre. Ha altre due sorelle più piccole con le quali ha un buon rapporto. In un primo momento la sua infanzia scorre serena e tranquilla, ma quando ha solo 9 anni scopre che suo padre è malato.

Leggi anche -> Massimo Ciavarro, il dolore della separazione da Eleonora Giorgi: il motivo dell’addio

Questo è uno dei momenti più bui della sua vita e il dolore di quel periodo non l’ha abbandonato neanche in età adulta. Le condizioni di salute del genitore peggiorano sempre di più. Cinque anni di calvario che si concludono con un epilogo tragico: la morte. Massimo rimane solo con le sorelle e la madre.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Oltre alla perdita e al dolore emotivo si aggiungono anche le difficoltà economiche. Ciavarro inizia subito a lavorare ma nel frattempo non perde di vista i suoi studi. Dopo aver accumulato esperienza in vari film, decide di diventare produttore cinematografico. Successivamente abbiamo potuto ammirare le sue doti da attore in diverse produzione per il piccolo e grande schermo.

Leggi anche -> Paolo Ciavarro, la lite furibonda col padre per quel provino al Manchester City

“Se mio papà non fosse morto, io oggi sarei un’altra persona, laureata probabilmente in legge. Lui aveva idee sane. Con lui avrei avuto una vita molto più facile, sarei diventato adulto più tardi a 20-25anni invece sono stato costretto a prendere tra le mani la vita della mia famiglia a un’età in cui in teoria si è ancora immaturi” aveva dichiarato.