Giuseppe Lauria, chi è: tutto sul neurologo dell’Università Statale di Milano

Giuseppe Lauria Pinter è professore ordinario di neurologia dell’Università Statale di Milano. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui.  

Professore ordinario di neurologia dell’Università Statale di Milano, Giuseppe Lauria Pinter svolge attività clinica e di ricerca nel settore delle malattie neuromuscolari e del dolore neuropatico ed è considerato uno dei massimi esperti nel suo campo. Conosciamolo più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Giuseppe Lauria

Giuseppe Lauria Pinter è nato a Belluno il 22 marzo 1965. Si è laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso l’Università degli Studi di Padova e ha conseguito il diploma di specializzazione in Neurologia nel 1997 presso l’Università di Ferrara, a pieni voti. Ha alle spalle anche due periodi di formazione e studio all’estero: alla Johns Hopkins University di Baltimora (Stati Uniti) presso il Dipartimento di Neuroscienze (febbraio-novembre
1997), con uno Short-Term Mobility Program grant del Consiglio Nazionale delle Ricerche, e all’Università di Barcellona, Centro di Elettromiografia e Controllo Motorio del Dipartimento di Neurologia (giugno-agosto 2001), con uno Short-Term Mobility Program grant del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Leggi anche –> Mariano Amici, chi è il medico romano che si è schierato contro i vaccini 

Attualmente Giuseppe Lauria è professore Ordinario dell’Università di Milano, settore MED/26 – Neurologia presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche “L. Sacco” con funzioni assistenziali assegnate presso la Fondazione IRCCS Istituto Neurologico “Carlo Besta” di Milano in qualità di Direttore Unità Operativa Complessa Neurologia 3– Neuroalgologia (dal 2015), Direttore del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche (dal 2016) e Direttore Scientifico Vicario (sempre dal 2016).

In un evento Ted del 2018 il prof. Lauria, prendendo spunto dalla controversia sui vaccini ha discusso di un possibile percorso virtuoso per restituire alle istituzioni sanitarie la fiducia dei cittadini, consentendo così di tornare a vivere in un Paese più libero, dove si dissente con opinioni costruite su argomenti e non su preconcetti.

Leggi anche –> Francesco Zambon: chi è il medico che ha subito pressioni dall’Oms