Nek mostra le ferite dopo l’incidente: il doloroso ricordo

Nek si è messo a nudo su instagram e ha mostrato le tremende ferite alla mano, che gli ha lasciato l’incidente subito a novembre 2020.

I fan e i colleghi del cantautore emiliano sono in apprensione da novembre 2020, da quando Nek ha subito un brutto incidente domestico con una sega circolare e per cui ha rischiato di perdere la mobilità di un arto. Mesi davvero difficili per il cantante che teneva tutti aggiornati periodicamente tramite i social, rassicurando tutti che stava bene. Silvia Toffanin lo ha intervistato di recente e il cantautore ha raccontato del brutto incidente, della paura e la sofferenza per aver rischiato così tanto.

Nek, come sta la sua mano dopo l’incidente

Nek ha rischiato di morire dissanguato per le ferite riportate a causa del malfunzionamento della sega circolare ma è stato tanto lucido da mettersi in macchina e andare al Pronto Soccorso, anche in quelle condizioni. Questa rapidità l’ha salvato e ha salvato anche la sua mano, che fino a poco tempo fa ha dovuto tenere in un tutore.

Leggi anche–> Nek, il dramma del cantante: “Ho rischiato di morire”

Dopo un lunghissimo intervento chirurgico, infatti, Nek ha dovuto portare il tutore per mesi fino a che, qualche giorno fa, lo ha tolto e ha mostrato a tutti come sta la sua mano. La paura di non riuscire a recuperare la mobiltà dell’arto era davvero tanta, ma ora, come ha raccontato in un lungo post su instagram, sta cominciando a sentire di nuovo un formicolio. Piano piano dovrebbe infatti riacquistare la mobilità.

Leggi anche–> Nek, chi è la figlia Martina Imarisio Neviani: età, foto, carriera

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nek Filippo Neviani (@nekfilipponeviani)

Ecco la mia mano oggi. La sento reagire con me” – scrive Nek – “La sento lentamente risvegliarsi come da un lungo letargo, come se rinascesse di nuovo. Queste cicatrici dolorose ogni giorno mi ricordano quanto possa cambiare in un secondo il corso della vita e quest’anno purtroppo, lo ha ricordato in molte forme a tante persone. Pianifichiamo, progettiamo sicuri nel nostro cammino poi qualcosa di inaspettato come un pugno allo stomaco, come un lampo improvviso, trasformano tutto. Si, programmerò pianificherò e procederò ancora ma d’ora in poi tenterò di vivere ogni giorno come fosse il primo.