Giorgio Panariello, tre condannati per la morte del fratello: omissione di soccorso

Giorgio Panariello ha ottenuto giustizia a seguito della tragica scomparsa del fratello. I condannati sono tre, tutti amici di Franco. 

Franco Panariello è scomparso nel 2011. Dopo essersi sentito male durante una cena, le persone che erano con lui hanno lasciato il suo corpo sul ciglio della strada invece che prestargli soccorso.

La scomparsa dell’uomo sopraggiunse per ipotermia e non per overdose come avevano sospettato inizialmente i giornali. Una vicenda oscura fin dall’inizio che però si è conclusa con il trionfo della verità e della giustizia.

Giorgio Panariello, il processo e le condanne per i responsabili della morte di Franco

Nel 2016 arrivò la terza condanna per morte di Franco Panariello. Stefano Simoncini venne ritenuto colpevole di omissione di soccorso dato che aveva abbandonato l’amico dopo che aveva accusato un malore. Per Simoncini scattò la reclusione a un anno e mezzo di carcere.

Leggi anche -> Giorgio Panariello, com’è morto davvero il fratello Franco: potevano salvarlo

Per quanto riguarda le altre due persone coinvolte, queste avevano già patteggiato la pena. Veronica Boschi e Monica Lazzeri vennero condannate rispettivamente a sei e otto mesi di reclusione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

A seguito del processo a carico di Simoncini, la giudice aveva anche fissato una provvisionale di 30mila euro per il risarcimento danni alla famiglia della vittima. Giorgio Panariello, che si era costituito parte civile aveva subito fatto sapere che la somma sarebbe stata interamente devoluta in beneficienza.

Leggi anche -> Chi è Giorgio Panariello: foto, curiosità e vita privata del comico italiano

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, dopo aver abbandonato l’uomo nella zona di Città Giardino, i tre amici avrebbero semplicemente chiamato la polizia dicendo che una persona non si reggeva in piedi. Queste tre condanne hanno permesso di mettere un punto finale alla tragica vicenda che ha riguardato Franco Panariello. Un’epilogo intriso di giustizia e rivincita.