Dpcm oggi, permessi e divieti fino al 5 marzo 2021

Il Dpcm oggi presenta delle disposizioni che scadranno a metà febbraio ed altre ad inizio marzo. Di quali si tratta nello specifico.

Dpcm oggi ristoranti chiusure
Dpcm oggi ristoranti chiusure FOTO Getty Images

È in vigore il Dpcm oggi emanato poco prima delle festività di Natale. Dallo scorso 18 dicembre il governo ora uscente aveva reso pubbliche delle disposizioni volte a contenere la pandemia in Italia. Le norme studiate assumevano una grande importanza proprio perché concepite appositamente per tenere sotto controllo una delicata situazione in uno dei periodi all’interno del quale è più facile creare assembramenti, come quello delle festività di fine anno.

Leggi anche –> Piano vaccini Italia, cosa ostacola la produzione sul nostro territorio

Il Dpcm oggi è costituito da delle regolamentazioni che hanno scadenze diverse. Ci sono restrizioni che resteranno valide fino a lunedì 15 febbraio 2021 ed altre che scadranno dopo il 5 marzo prossimo. Fermo restando che il nuovo governo targato Mario Draghi avrà la facoltà di modificare quanto è in essere, rinnovando o cambiando alcune norme. Al momento risultano vietati fino al 15 febbraio gli spostamenti tra le varie regioni o tra le province autonome. Questo vale anche per le zone gialle, situazione in cui si trova la maggior parte dell’Italia. Fanno eccezione le sole situazioni di impellente necessità ed emergenza legate a motivazioni di lavoro, salute o studio, o per assistere persone non auto sufficienti o per il ritorno a residenza o domicilio abituali. Sono incluse anche seconde case di proprietà od in affitto.

Leggi anche –> Bollettino 4 febbraio: superati i 90mila decessi

Dpcm oggi, cosa è permesso e chi invece resta chiuso

Invece fino al prossimo 5 marzo restano in vigore le chiusure alle quali sono sottoposti ristoranti, bar ed altri locali. In zona gialla è consentita la sola apertura fino alle ore 18:00. Chiusura in zona arancione e zona rossa. Prevista però in tutti i casi l’asporto o la consegna a domicilio. Ed in tutti i casi permangono gli obblighi di indossare la mascherina sia in luoghi pubblici che privati, al chiuso od all’aperto.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Sci in zona gialla: ok alla riapertura degli impianti dal Cts

Il divieto di creare assembramenti. Ed il coprifuoco notturno dalle ore 22:00 alle ore 05:00 del giorno successivo. E mentre hanno riaperto gli impianti sciistici, permane la chiusura anche per palestre, piscine, cinema e teatri. Si valuta se far riaprire per delle sessioni individuali e se e quando procedere con la riapertura consueta, come già avvenuto per i musei.