Striscia la Notizia, il ritorno choc di Brumotti tra gli spacciatori che l’aggredirono

L’inviato di Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti, torna a Porta Venezia dove era stato aggredito. La situazione non sembra essere cambiata.

L’inviato del tg satirico di Canale 5, “Striscia la Notizia“, l’inviato Vittorio Brumotti torna sul luogo dove è stato aggredito mesi fa. Nulla sembra essere cambiato dalla sua ultima visita nella zona di Porta Venezia a Milano: sono ancora tantissimi i pusher che offrono la droga ai passanti.

Il campione di bike trial Vittorio Brumotti ha mostrato mesi fa la situazione alle telecamere di degrado ed è stato preso a bastonate dagli spacciatori di Porta Venezia a Milano. Adesso, però, per l’inviato di “Striscia la Notizia” le cose vanno meglio: per lui solo insulti e gestacci, ma niente botte. Con l’inviato del telegiornale satirico nato da un’idea di Antonio Ricci, arrivano anche alcune volanti della Polizia che si sono adoperate per perlustrare la zona, sequestrare la droga e portare via i presunti spacciatori.

LEGGI ANCHE -> Striscia la Notizia, scoperti interventi al botulino vietati e pericolosi VIDEO

LEGGI ANCHE -> Striscia la Notizia, lutto nel cast del tg satirico di Canale 5 FOTO

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Striscia la notizia (@striscialanotizia)

Striscia la Notizia torna a Porta Venezia, la zona dello spaccio

Vittorio Brumotti è stato aggredito nel maggio 2020 al volto da un gruppo di spacciatori di Porta Venezia, una delle zone più colpite dallo spaccio a Milano. A quasi un anno di distanza, le telecamere nascoste di “Striscia la Notizia” dimostrano come lo spaccio di cocaina sia ancora radicato nella zona.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Grazie all’intervento della Polizia, con il supporto del campione Vittorio Brumotti, viene interrotta la compravendita della morte. L’inviato questa volta ha ricevuto solo insulti e maledizioni, ma per fortuna non è stato aggredito fisicamente. Al termine delle perquisizioni, uno dei presunti pusher è stato fermato e condotto in commissariato.