Rimborso o cancellazione gratuita? Come prenotare durante il Covid-19

Come viaggiare in sicurezza durante la pandemia da Coronavirus. Meglio il rimborso o la cancellazione gratuita?

In questo periodo di emergenza da coronavirus, se avete intenzione di organizzare una vacanza, probabilmente vi starete chiedendo come tutelarvi al meglio. In primis starete valutando se al momento della prenotazione di un albergo o di un residence è meglio optare per l’opzione rimborso o l’opzione cancellazione. Stessa cosa per quanto riguarda i voli laddove sia possibile effettuare questa scelta.

La cancellazione gratuita

Per scegliere tra queste opzioni bisogna valutare un po’ le vostre esigenze. Può capitare infatti che la cancellazione gratuita sia ottima, soprattutto per quanto riguarda gli alberghi perché avete tempo fino a pochi giorni prima della partenza per annullare la vostra prenotazione e non avere poi l’onere di dover procedere alla richiesta di rimborso. Ci sono infatti alcune strutture che tramite portali come Booking vi permettono di fermare la vostra camera d’albergo diciamo “sulla parola”. Fino a pochi giorni prima della data del vostro arrivo non vi viene prelevata nessuna somma e in alcuni casi addirittura c’è il pagamento proprio all’arrivo. In questo senso se il pagamento al momento dell’arrivo in struttura è accompagnato dalla possibilità di cancellazione gratuita sarete ancora più tranquilli.

La richiesta di rimborso

Se invece state prenotando un aereo, probabilmente l’opzione che vi verrà proposta per la vostra sicurezza, in caso di annullamento della partenza è il rimborso. In questo caso, infatti, soprattutto le compagnie aeree hanno bisogno di un pagamento anticipato. Quindi se il volo viene cancellato e voi non potete più partire per delle motivazioni valide, allora avviene il rimborso.

Attenzione alle clausole

Dovete però fare molta attenzione perché spesso ci sono delle piccole clausole legate alla possibilità di rimborso che vanno tenute in considerazione. Prima quindi di procedere a una prenotazione che vi dà come garanzia soltanto il rimborso è bene leggere in quali casi questo è previsto. Potrebbero infatti esserci delle piccole clausole che vanno a vanificare la vostra richiesta.

Quando non sarete rimborsati

Va detto che in questo periodo di emergenza di pandemia legata al coronavirus le richieste di rimborso effettuate per motivi legati proprio alla pandemia e all’impossibilità di spostarsi sono state praticamente tutte accolte. L’unica differenza fondamentalmente sta nel fatto che se siete voi a cambiare idea perché avete sentito che in quel momento i contagi sono aumentati in questo caso il rimborso non è previsto. Questo perché se le frontiere sono aperte i viaggi sono consentiti, ma semplicemente voi non avete la sicurezza di voler viaggiare a quel punto chiaramente né la compagnia aerea ne l’hotel andrà a rimborsare il prezzo che avete pagato in precedenza.

viaggi_lowcost
Travel to Paris, with Eiffel Tower souvenir and wooden train toy. Planning summer vacation, money budget trip concept.