Ilaria D’Amico difende Buffon: “Bestemmie? C’è un motivo”

Ilaria D’Amico scende in campo per difendere Gigi Buffon dalle critiche e spiega che c’è un motivo per le bestemmie.

Ieri sera Gigi Buffon ha compiuto 43 anni, un traguardo tagliato con un misto di emozioni positive e negative: positive perché la sua Juventus ha passato il turno in scioltezza in Coppa Italia, negative perché è finito al centro di una polemica per via della bestemmia che gli è sfuggita nell’ultimo incontro. Ieri, però, le emozioni sono state tutte positive, perché in casa Gigi pensa alla famiglia ed i suoi familiari per il compleanno lo hanno riempito di affetto e attenzioni.

A raccontare questa occasione di gioia familiare è stata Ilaria D’Amico, la conduttrice ha spiegato che prima tutti insieme hanno scelto un film, un’abitudine creata in famiglia da quando è stato istituito il primo lockdown e che ormai è una tradizione. Quindi c’è stata la cena, la torta ed i regali. Una serata speciale per Gigi che fuori dal campo è un uomo che apprezza le cose semplici: “Devo ammettere che ha proprio un buon carattere, la parte più aggressiva di lui è l’agonismo che mette in campo. Fuori è una persona zen. Cerca sempre di vedere il buono delle persone e delle cose. E’ un ottimista. E’ gioia di vivere”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ilaria D’amico difende Buffon: “Bestemmie? C’è un motivo”

Nell’intervista concessa a Tuttosport, la D’amico parla poi di quanto successo in campo e ammette che Gigi ha un grosso difetto: “E’ una cosa che fa parte della sua toscanità. Nonostante la mamma sia la donna più religiosa che conosca e Gigi stesso sia molto praticante, ci sono delle espressioni colorite che fanno parte del suo gergo. Se i nostri figli dicono una parola fuori posto, lui si arrabbia moltissimo”.

Leggi anche ->Walter Zenga, chi è: grande portiere poi allenatore sfortunato, la sua storia

Tra le espressioni colorite, ci sono anche anche imprecazioni come quella che ha generato un polverone, sulla quale la D’Amico dice: “E’ un gergo più legato al campo e sarei curiosa di sapere se effettivamente ha pronunciato la lettera D o la Z, lui di solito dice ‘zio’… Deve cambiare espressioni, comunque. E’ il primo che ci resta male quando gli scappa”.

Leggi anche ->Gianluigi Buffon compie 43 anni, la verità sulla fine del matrimonio con Alena Seredova