Franco Baresi, chi sono i figli Edoardo e Giannandrea: cosa fanno oggi

Edoardo e Giannandrea sono i due digli di Franco Baresi. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di loro. 

Franco Baresi è sposato con Maura Lari, da cui ha avuto il figlio Edoardo nel 1991; nel 1997 la coppia ha inoltre adottato un bambino al quale ha dato il nome di Giannandrea. Conosciamo più da vicino i due ragazzi del grande calciatore e manager sportivo.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

L’identikit di Edoardo e Giannandrea Baresi

Franco Baresi è stato non solo un mito del calcio, ma anche un padre affettuoso e presente. Per anni, tuttavia, il fuoriclasse del Milan ha dovuto fare i conti con una squallida bufala. L’ex difensore era giovanissimo quando sposò Maura Lari. Nel 1991 la coppia ha avuto un primo figlio, Edoardo, e nel 1997 ha adottato un bambino di nome Giannandrea. Il primogenito della coppia nacque a Città del Messico e sulla sua paternità si sono create squallide leggende metropolitane.

Leggi anche –> Franco Baresi, chi è: età, carriera, vita privata della leggenda del Milan

Quando nel 1993 Frank Rijkaard, centrocampista e asso del Milan dal 1988, fu ceduto, cominciò a girare voce di una scelta dettata da Franco Baresi, che avrebbe scoperto che la moglie aveva avuto una storia extraconiugale col centrocampista dei “tulipani”. Si parlò anche di una rissa avvenuta negli spogliatoi.

Leggi anche –> Stasera in tv – Che Tempo Che Fa: ospiti di oggi, 24 gennaio

Secondo le malelingue, anche il primogenito del campione milanista, come Giannandrea, un bambino russo nato a Mosca due anni prima dell’adozione, nel 1995, non sarebbe il figlio biologico del campione. A rendere ancor più pesante le insinuazioni furono i cori delle curve avversarie dopo l’acquisto da parte rossonera di George Weah, alimentati da nuove leggende metropolitane sulla moglie del libero del Milan. Forse anche per questo i ragazzi hanno scelto una vita il più possibile defilata e lontana dai riflettori: sui social network e sulla stampa in generale non c’è praticamente traccia di loro.