Mamma si distrae un attimo, bimbo strangolato dalla corda della tenda

Un bambino di soli due anni è morto strangolato dalla corda di una tenda della sua camera da letto per una tragica fatalità. 

Un bambino di due anni è morto strangolato dalla corda di una tenda della sua camera da letto dopo che la mamma “lo aveva lasciato solo per un secondo”. Il piccolo Joey Walker è rimasto intrappolato e nel giro di pochi istanti si è consumata la disgrazia: è quanto emerso a conclusione dell’inchiesta sulla terribile vicenda. Sua madre, Chloe Armstrong, 28 anni, ancora non si dà pace. Aveva cercato disperatamente di salvargli la vita dopo averlo scoperto privo di sensi il 5 aprile dello scorso anno, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Il piccolo morto strangolato sotto gli occhi della mamma

La signora Armstrong, di Denton, Greater Manchester, in Inghilterra, ha raccontato: “Stavo prelevando la biancheria dalla mia e dalla sua stanza per portarla al piano di sotto. L’ho lasciato solo per un secondo. Gli piaceva giocare con la lavatrice. Il suo lavoro in casa era aiutarmi a riempirla e accenderla. Gli avevo detto di scendere, ma non mi ha seguito. Lo sentivo che giocava, poi all’improvviso solo silenzio. Sono subito tornata di sopra ed è stato allora che l’ho trovato privo di sensi”.

Leggi anche –> Bimbo rischia di soffocare nella culla: immagini choc, genitori fate attenzione

L’indagine della Polizia ha appurato che non c’erano circostanze sospette. Non sono stati effettuati arresti. Ma è anche emerso che la tenda in questione non rispettava le norme di sicurezza. Era stata installata da un precedente inquilino e presentava una serie di difetti. “Joey sarebbe vivo ora se non avessimo preso in affitto una casa con una tenda difettosa”, si dispera la madre del bambino.

Leggi anche –> Bambina soffocata | a 2 anni muore per un pezzo di salsiccia

Dopo aver trovato suo figlio privo di sensi, Chloe ha composto il numero di emergenza e ha tentato una rianimazione cardiopolmonare salvavita. Poi l’arrivo dei paramedici e il ricovero nell’unità di terapia intensiva del Manchester Children’s Hospital. Ma Joey è morto 18 giorni dopo, a seguito di lesioni cerebrali irreversibili. La sig.ra Armstrong ora sta studiando per diventare un’infermiera pediatrica in memoria di suo figlio. Intende promuovere il pronto soccorso dei bambini per aiutare genitori e assistenti a salvare vite umane.

Impostazioni privacy