Coronavirus 6 gennaio: oltre 20mila contagi, salgono i tamponi

Emergenza Coronavirus in Italia oggi 6 gennaio: oltre 20mila contagi, salgono i tamponi, la situazione aggiornata.

(Hristo Rusev/Getty Images)

Torna a salire il numero di tamponi effettuati in queste ultime 24 ore e salgono anche i contagi, mentre importante è nella giornata di oggi il dato riguardante il tasso di positivi sul totale dei tamponi effettuati. Anche oggi infine resta elevato il numero dei decessi, ma andiamo con ordine.

Leggi anche –> Negazionisti Covid, fermano l’ambulanza in Porsche: “Fate solo finta”

Stando alle cifre comunicate ufficialmente poco fa, sono 20.331 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Sale in maniera decisa il numero di tamponi, che nelle ultime 24 ore sono stati 178.596, ovvero oltre 40mila in più rispetto a quelli effettuati il giorno precedente.

Leggi anche –> Dpcm, viola le norme per scalare una roccia: grave in ospedale e multata

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus 6 gennaio in Italia: la situazione

(Hristo Rusev/Getty Images)

Il tasso di positivi sul totale dei tamponi effettuati, dunque, resta invariato ed è all’11,4%, mentre i nuovi decessi nelle ultime ore sono stati 548. Sale ancora il numero di vaccinati nel nostro Paese, sebbene si tratti di numeri decisamente bassi. Sono infatti poco più di 260mila le persone che sono state vaccinate a partire dal 27 dicembre, circa lo 0,4% della popolazione totale.

Rimane stabile, minimamente in diminuzione, il numero degli attualmente positivi, che sono 568.712, mentre salgono di due unità i ricoveri in terapia intensiva. Scendono in maniera sostanziale i ricoveri: sono 219 in meno. Nell’ultima settimana, sono stati registrati 16.894 casi in media al giorno, che è un numero importante, perché indice di una crescita media dei casi, che salgono addirittura del 28%. Venti in più sono i ricoveri in terapia intensiva in questa settimana, mentre i decessi salgono del due per cento rispetto ai sette giorni precedenti.