Dpcm, viola le norme per scalare una roccia: grave in ospedale e multata

Una donna trasgredisce le normative del Dpcm per fare una arrampicata con la famiglia. Ma precipita ed è gravissima. E non è tutto.

Dpcm soccorso speleologico
Viola il Dpcm per una scalata ma va in ospedale e viene pure multata Foto dal web

Una donna è stata ricoverata in gravi condizioni in ospedale dopo una caduta da una parete rocciosa a Roccamorice, in provincia di Pescara. Ma nonostante versi in un quadro clinico molto delicato, si è vista recapitare una multa. Il motivo è dato dalla palese violazione alle disposizioni contenute nell’ultimo Dpcm dello scorso 18 dicembre. Che ha ribadito un aspetto importante contenuto in tutte le altre comunicazione del Governo arrivate nei mesi precedenti.

Leggi anche –> Scuola, quando si torna in classe: le date di rientro di ogni Regione

La donna si era cimentata di una arrampicata assieme al marito 65enne ed al loro figlio 25enne, che pure hanno ricevuto una sanzione amministrativa da 400 euro ciascuno. La donna ha 61 anni e nella giornata di domenica 3 gennaio 2021, in compagnia della sua famiglia, si è recata al di fuori del proprio comune di residenza per concedersi una attività sportiva non alla portata di tutti. Subito il marito ed il figlio l’anno soccorsa, assieme ad altri quattro scalatori presenti nelle vicinanze e multati tutti allo stesso modo.

Leggi anche –> Il governo pensa di prorogare lo stato d’emergenza fino a luglio

Dpmc, soccorso speleologico subito intervenuto per recuperarla

Questa famiglia è composta da scalatori esperti e con alle spalle decine e decine di scalate ed arrampicate. Ma purtroppo l’incidente è sempre dietro l’angolo, anche per chi è dotato di know how e di esperienza. In questa circostanza la donna responsabile di violazione del Dpcm è caduta per 6 metri franando al suolo con testa e schiena in particolare.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Negazionisti Covid, fermano l’ambulanza in Porsche: “Fate solo finta”

Per recuperarla è intervenuto il soccorso alpino e speleologico dell’Abruzzo, assieme al personale medico del 118. Con una squadra arrivata via elicottero e con un’altra giunta via terra. Per fortuna la donna ha ripreso conoscenza quasi subito, prima di entrare in ospedale. Le sue condizioni vengono però descritte come molto gravi.