Silvio Berlusconi, gravi problemi cardiologici: le sue condizioni

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi ha accusato “gravi problemi cardiologici”. E i giudici fanno slittare il processo a suo carico. 

Ancora problemi di salute per Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia ha accusato “seri problemi cardiologici”: è quanto emerge dai documenti clinici che sono stati presentati dai suoi difensori davanti alla seconda sezione penale del Tribunale di Roma, dove l’ex premier è imputato. L’avvocato Franco Coppi aveva chiesto il legittimo impedimento e i giudici glielo hanno concesso, sottolineando appunto che dalle “cartelle cliniche presentate emergono seri problemi cardiologici”. Di conseguenza il processo è stato fatto slittare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Il punto sullo stato di salute di Silvio Berlusconi

Già il 30 novembre scorso, in un altro filone del Ruby Ter, l’avvocato difensore Federico Cecconi aveva spiegato l’assenza di Silvio Berlusconi proprio a causa di problemi di salute. Ricoverato a settembre dopo aver contratto il Covid, poi guarito e dimesso, il Cavaliere aveva accusato una forma di peggioramento. Per tale motivo i medici gli avevano consigliato il riposo assoluto domiciliare, con la raccomandazione di astenersi da qualsiasi attività.

Leggi anche –> Come sta Silvio Berlusconi, grande preoccupazione per le sue condizioni

Leggi anche –> Silvio Berlusconi è grave: peggiorate le condizioni dell’ex premier

Leggi anche –> Silvio Berlusconi guarito dal Covid va al matrimonio del figlio – VIDEO

Il segmento romano del processo Ruby Ter, che vede imputati Silvio Berlusconi e Mariano Apicella, è stato dunque rinviato a maggio dell’anno prossimo. L’ex premier è imputato per la presunta corruzione legata alla falsa testimonianza di Apicella sulle feste organizzate ad Arcore. I giudici hanno invece respinto la richiesta del pm Roberto Felici di stralciare la posizione del cantante napoletano dal processo, ritenendola “strettamente connessa” a quella di Berlusconi. Al centro della vicenda c’è il presunto pagamento di 157mila euro da parte del Cavaliere a favore di Apicella affinché dichiarasse il falso a Milano.

EDS