Ylenia Bonavera, l’autopsia conferma: è stata accoltellata dall’amica dopo il litigio

Ylenia ha perso la vita dopo una discussione con una sua amica. Vediamo i fatti nel dettaglio e la triste dinamica. Emergono nuovi terribili elementi nell’indagine.

La vicenda è avvenuta nel quartiere di San Cristoforo a Catania. La Bonavera avrebbe avuto una discussione con un’amica di nome Daniela.

In base alle ricostruzioni sembra che la situazione fosse degenerata rapidamente, ma vediamo com’è andata realmente. La giovane era già stata protagonista di un’altra triste vicenda. Nel 2017, l’allora fidanzato le diede fuoco procurandole ustioni sul 13 per centro del corpo. Sfortunatamente, la giovane non ha mai potuto vivere la vita serena che desiderava tanto.

Ylenia Bonavera: luci e ombre sulla vicenda

La lite è scoppiata a un incrocio notoriamente trafficato del quartiere di San Cristoforo. Sarà proprio qui che Ylenia verrà accoltellata brutalmente da quella che avrebbe dovuto essere una sua amica. La donna le avrebbe inferto una pugnalata alla spalla destra.

Leggi anche -> Omicidio Suicidio Pesaro: uccide la moglie e si getta dalle mura

Inizialmente non si pensava che il fendente fosse stato la causa della sua morte. I medici aveva subito puntato il dito contro una possibile overdose. Dall’autopsia era infatti emerso come la 26enne avesse in corpo una discreta quantità di alcool e droga, ma continuando nelle indagini è stato chiaro che la morte fosse sopraggiunta per colpa dell’arma da taglio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Non è passato troppo tempo prima che la stessa Daniela si recasse dalla squadra mobile. La donna si è presentata accompagnata dal suo avvocato e si è autodenunciata. “Sono stata io a colpire Ylenia con un coltello da cucina che tenevo in auto, stavamo litigando, lei mi aveva già graffiato un occhio e aveva in mano una bottiglia con cui temevo volesse colpirmi”, ha dichiarato alle autorità. Al momento della confessione non era però ancora chiara la causa della morte, ma Daniela è stata comunque messa in stato di fermo con l’ipotesi di reato di omicidio.

Leggi anche -> Omicidio in zona isolata, ucciso 38enne: “Coinvolto un bambino”

La procura di Catania aveva immediatamente aperto l’inchiesta sull’aggressione e successiva morte della Bonavera. In seguito ai chiarimenti sulla vicenda , lunedì è fissata l’udienza di convalida del fermo. I rapporti tra le due si erano incrinati da tempo e l’ultimo litigio sarebbe avvenuto perché Daniela non sopportava che Ylenia facesse uso di droghe e alcol.  Il tutto si è svolto in poco tempo mentre le due erano accanto alle rispettive auto. Ciò che sconvolge ancora di più è che, nonostante i numerosi testimoni, nessuno è intervenuto per separarle. C’è anche un video dell’accaduto in cui si vede Daniela colpire Ylenia che si accascia sul sedile del passeggero. Il suo amico guiderà inutilmente fino al pronto soccorso del Garibaldi Centro dove morirà qualche ora dopo. La tragica fine della 26enne è il punto finale di una vita vissuta in una grande situazione di disagio.