Nuovo Dpcm Natale: feste solo tra conviventi, spostamenti vietati

Le ultime informazioni sul Dpcm riguardante il Natale e le altre festività indicano che le cene potranno essere svolte solo tra conviventi.

Il Governo ha intenzione di approvare una stretta per il periodo delle festività natalizie. Nel prossimo Dpcm, che entrerà in vigore a partire dal prossimo 4 dicembre, ci saranno infatti delle apposite misure che varranno per il periodo compreso tra il 20 dicembre ed il prossimo Dpcm di gennaio. Dato per assodato che i licei e le scuole medie rimarranno chiusi fino al prossimo 7 gennaio, l’esecutivo sta già discutendo con i governatori ed i prefetti sull’organizzazione dei trasporti. Solo con un’organizzazione fatta bene, infatti, si potrà evitare che i trasporti diventino veicolo di una terza ondata di contagi.

Leggi anche ->Dpcm dicembre: ristoranti chiusi a Natale e Capodanno, rimane il coprifuoco

Per quanto riguarda i ristoranti, non cambia nulla: questi potranno rimanere aperti a pranzo solamente nelle zone gialle e saranno chiusi nei giorni festivi. Non cambia l’indirizzo del governo nemmeno sul coprifuoco: saranno impediti gli spostamenti a partire dalle ore 22 fino alle ore 6 in tutta Italia. Pub, pizzerie, ristoranti e bar dovranno chiudere, anche nelle zone gialle, a partire dalle ore 18, continuerà ad essere permesso l’asporto e la consegna a domicilio.

Leggi anche ->Nuovo Dpcm Natale: spostamenti vietati tra Regioni, scuole ancora chiuse

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dpcm Natale: cene solo tra conviventi, spostamenti vietati

La stretta riguardante il periodo natalizio coinvolge tutta Italia. Già da giorni sappiamo che gli impianti sciistici rimarranno chiusi. La richiesta avanzata dalle regioni di poterli tenere aperti per gli alberghi è stata infatti rifiutata dal governo. Per evitare che qualcuno violi la disposizione si sta pensando di chiudere gli alberghi dal 20 dicembre sino al 7 gennaio. In tal caso verrà preparata un’indennità apposita per gli albergatori e tutti i lavoratori di settore. Non saranno impediti i viaggi all’estero, tuttavia per chi torna in Italia dall’estero sarà imposta una quarantena di 10 giorni a partire dal prossimo 20 dicembre.

Gli spostamenti tra le regioni rimarranno vietati per tutto il mese di dicembre, non sarà ammesso dunque alcun viaggio nel territorio italiano che non sia giustificato da comprovate ragioni di lavoro o di salute. Saranno ovviamente vietate le feste private e per quanto riguarda invece le cene in famiglia è consigliato che vengano effettuate solo tra conviventi. Il nuovo Dpcm sarà discusso oggi da Boccia e Speranza con le Regioni e domani illustrato al Parlamento.