Renato Zero, dopo tanti anni la verità sulla sua omosessualità

Renato Zero è sempre stato un cantante camaleontico, che non ha mai voluto rivelare pubblicamente il proprio orientamento sessuale.

Renato Zero, romano classe 1950, ha sempre amato il look appariscente fatto di lustrini e pailettes. Nel corso della sua carriera si è sempre mostrato sopra le righe ed eccessivo e, questa sua tendenza, si è spesso tradotta nei rumors relativi alla sua omosessualità, ai quali il cantante ha sempre preferito non rispondere direttamente.

Renato Zero, seppure sia diventato nel corso degli anni un’icona gay, ha sempre smentito i rumors che lo etichettavano come omosessuale. Del cantante si conoscono due storie d’amore importanti: quella con Enrica Bonaccorti, una relazione giovanile durante una paio d’anni, e quella con Lucy Morante. I due hanno avuto un rapporto più maturo che, nonostante sia finito, ricordano entrambi con affetto. Il cantante eclettico ha recentemente applaudito quanto detto dal Papa nei confronti delle coppie LGBT: “Non si può che essere d’accordo con l’apertura del Papa alle unioni delle coppie gay. Non voglio che accada più per nessuno, come è successo a me, che ti vengano fatte le risonanze magnetiche per capire che cosa hai nelle mutande”, ha detto al magazine Gay.it.

LEGGI ANCHE -> Renato Zero omosessuale, tutta la verità raccontata direttamente da lui

Renato Zero, la realtà sulla sua omosessualità

Da icona queer anni ’70, Renato Zero non ha mai fatto coming out, anzi, negli ultimi anni si è lasciato spesso andare a dichiarazioni che non sono affatto piaciute alla comunità LGBT. “Mi chiedono di fare outing (la corretta definizione sarebbe coming out), ma perché devo accettare l’idea di essere omosessuale quando so che ho amato e continuo ad amare donne?”, disse in un’intervista.

LEGGI ANCHE -> Renato Zero sbotta contro i fan al concerto: “Basta con i cellulari”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Il cantante ha spesso cercato di zittire le voci sulla sua omosessualità, ma non ha mai dato una versione chiara, come quando disse che: “Se arrivasse un uomo e mi provocasse un trauma formidabile non vedo che cosa ci sarebbe di male a starci insieme”. In un’altra occasione rivelò che ammise di essere omosessuale per non dover svolgere il servizio militare, poi disse che “in realtà sono fatto di ben altra pasta“. Quale sarà quindi la verità di Renato Zero? I suoi fans la scopriranno mai?