Marina La Rosa, la terribile confessione: “Voleva uccidermi”

Marina La Rosa, ospite a Domenica Live racconta una storia davvero da brivido: la violenza viene spesso confusa per amore.

Sarà una puntata davvero interessante quella odierna di Domenica Live, dove Barbara D’Urso ospiterà personaggi del mondo dello spettacolo. Oltre a Sergio Muniz, grosse aspettative sono rivolte verso Marina La Rosa, concorrente del primissimo Grande Fratello italiano. L’attrice racconterà un episodio molto drammatico della sua vita, che ha già accennato su Instagram e che ha a che fare con lo stalking e la violenza sulle donne.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Marina La Rosa, chi è l’ex gatta morta del primo Grande Fratello

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marina la Rosa (@marina_la_rosa)

Il racconto da brivido di Marina La Rosa

La storia che Marina ha deciso di condividere su Instagram è davvero da brividi, ma purtroppo è una realtà che moltissime donne nel mondo hanno vissuto e vivono tutti i giorni. Marina ha scritto: “Avevo circa sedici anni quando mi innamorai perdutamente di F. Lui era più grande di me ed i suoi occhi erano così belli, così sinceri. Aveva delle mani forti e quando mi abbracciava riuscivo a sentire tutto il suo amore”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

“Anche quando mi picchiava lo sentivo quell’amore. Mi amava così tanto da ingelosirsi per qualunque cosa, si arrabbiava così oltremisura che quella rabbia era per me proporzionale al suo amore. Ogni tanto capitava che tornassi a casa e mia madre mi chiedesse perché avevo del sangue sul viso ed io tra cadute e graffi del gatto riuscivo sempre a non dirle la verità. Quell’urlarmi in faccia era diventata una modalità ‘normale’ del nostro rapporto ed un giorno F. ha proprio raggiunto l’apice del suo amore.. mi fece scendere dalla sua meravigliosa moto lasciandomi a piedi e, mentre camminavo per raggiungere casa, ha cercato di investirmi. Ero molto giovane certo ma ad un certo punto ho capito che di ‘normale’, in quella storia, c’era ben poco”.