Madre uccide e smembra il figlio di 11 anni: “L’ho sempre odiato”

Una madre uccide il figlio 11enne insieme al compagno. Arrestata dopo il ritrovamento dei resti, la donna ha ammesso di averlo sempre odiato.

Una storia dell’orrore causato dalla mancanza d’istinto materno e di ogni sorta di umanità è emersa nelle scorse ore da Brasilia. Secondo quanto riportato dalla cronaca locale, Rosana Candido, madre di 27 anni, ha ucciso il figlio di 11 anni insieme al compagno, Kacyla Pessoa (28 anni). I due amanti hanno atteso che il piccolo Rhuan da Silva Castro si addormentasse, quindi facendosi forza l’un l’altro sono entrati nella sua stanza e lo hanno immobilizzato nel letto.

Leggi anche ->Bambina di 7 anni sgozzata in un parco: chiamava la mamma in punto di morte

Pessoa ha bloccato il piccolo Rhuan nel letto per impedirgli di scappare o resistere al tentativo di aggressione da parte della madre. Nel frattempo Rosana gli è salita di sopra e con un coltello da cucina lo ha cominciato a colpire al petto e al viso. In tutto la donna ha sferrato undici colpi, cavandogli persino gli occhi.

Leggi anche ->Morta madre di tre figli: la 30enne distrutta da ansia e depressione dopo un incidente

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Madre uccide e smembra il figlio: “L’ho sempre odiato”

Una volta compiuto il feroce infanticidio, la coppia ha cercato un modo per disfarsi del cadavere. Prima lo hanno decapitato, quindi lo hanno fatto a pezzi ed hanno pensato di cucinarne le interiora per fare sparire ogni traccia. Probabilmente l’odore nauseabondo che fuoriusciva cucinando ha fatto loro cambiare idea.

Ancora intenzionati a liberarsi dei resti del piccolo, i due li hanno stipati in due zaini e abbandonati per le vie della città. A trovare gli zaini sono stati dei ragazzini che, incuriositi, hanno scoperto il macabro contenuto e l’hanno denunciato alla polizia. Gli agenti, grazie agli esami sul corpo sono risaliti all’identità della vittima e ai possibili colpevoli. Portati in centrale per un’interrogatorio hanno confessato il crimine commesso. La prima a farlo è stata la madre, la quale ha anche spiegato che lo ha fatto perché lo odiava: “L’ho sempre odiato”. L’odio della donna partiva dai cattivi rapporti con il padre del piccolo e con tutta la sua famiglia.