Lombardia zona arancione: cosa si può fare e cosa è vietato

A partire da domenica la Lombardia cambierà il colore da rossa ad arancione: ecco cosa si potrà fare e cosa sarà ancora vietato

Un risultato importante per la Lombardia. I dati continuano a migliorare durante la seconda ondata dell’emergenza Coronavirus e così lo stesso governatore, Attilio Fontana, ha svelato che si passerà nella zona arancione a partire da domenica 29 novembre 2020. Il ministro Speranza firmerà così una nuova ordinanza con il passaggio di alcune Regioni dopo il monitoraggio settimanale. Ci si potrà muovere all’interno del proprio Comune di residenza senza aver bisogno dell’autocertificazione. Inoltre, si possono andare a trovare amici e parenti evitando gli assembramenti e sarà sempre presente il coprifuoco nazionale dalle 22 alle 5 (in questa fascia bisognerà produrre l’autocertificazione per motivare gli spostamenti). Ci sarà, inoltre, l’apertura di tutti i negozi con la riapertura anche dei centri estetici. Le altre Regioni che passeranno in zona arancione saranno Piemonte e Calabria, mentre Liguria e Sicilia diventeranno gialle.

Leggi anche –> Coronavirus, zona rossa: già da oggi potrebbero esserci novità

Leggi anche –> Zona rossa regole | massima allerta estesa anche ad altre regioni

Lombardia zona arancione, le novità

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nessun cambiamento, invece, per bar, pub, ristoranti e gelaterie: sarà consentito l’asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio, che sarà senza limiti di orari. Inoltre, si potrà fare attività motoria liberamente all’aperto senza restrizioni. Cambiamenti importanti che porteranno, a poco a poco, nuovi benefici a livello mentali per i lombardi che hanno dovuto subito fare i conti con la zona rossa ad inizio novembre. Il nuovo provvedimento dovrebbe andare in vigore da lunedì.