Coronavirus 28 novembre: calano contagi, morti e terapie intensive

Allerta Coronavirus in Italia oggi 28 novembre: calano contagi, morti e terapie intensive, aumenta il numero degli attualmente positivi.

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Sembrano esserci dei lievi miglioramenti nei dati che riguardano il contagio da Coronavirus in Italia, nelle ultime 24 ore. 26.323 nuovi contagi, 686 morti, sicuramente dati ancora alti, ma che mostrano una lieve frenata, a fronte di un aumento dei tamponi. Aumentano gli attualmente positivi, mentre sono poco più di 24mila i guariti o dimessi di ieri.

Leggi anche -> Dpcm dicembre: ristoranti chiusi a Natale e Capodanno, rimane il coprifuoco

Le terapie intensive scendono ancora a 3.762 (-20). Scende ancora l’incidenza del rapporto tra positivi e tamponi effettuati, nelle ultime 24 ore sotto il 12% ovvero all’11,6%, mentre ieri era al 12,7%. Se i dati mostrano un andamento in discesa, questo comporta comunque che venga prestata ancora maggiore attenzione.

Leggi anche -> Nuovo Dpcm Natale: spostamenti vietati tra Regioni, scuole ancora chiuse

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus 28 novembre oggi in Italia

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

La Lombardia è ancora la Regione con più contagi, ma i dati sono decisamente in calo: 4.615 nuovi contagi, 119 morti. Giù i numeri anche in Piemonte, con mille nuovi contagi in meno in 24 ore, mentre sono stabili e ancora pericolosamente alti sia in Emilia-Romagna che soprattutto in Veneto. Numeri stabili sia in Toscana che in Calabria, mentre il calo è evidente in Regioni come Puglia, Campania, Lazio e Sicilia, anche se si tratta sempre di numeri a quattro cifre.

Solo la Valle d’Aosta è oggi sotto i 100 contagi, anche se risalgono i decessi dopo lo zero fatto registrare ieri. Tra le Regioni dove i contagi aumentano ci sono Friuli-Venezia Giulia, di nuovo sopra i mille casi giornalieri, Molise e Umbria. Stabili Abruzzo e Marche, così come Trentino Alto Adige, Basilicata e Sardegna. Per quanto riguarda le terapie intensive, 17 sono i ricoveri in più in Sicilia, otto in Liguria, le regioni che registrano gli aumenti più decisi.