Coronavirus, morta la blogger Elisabetta Barale: aveva 44 anni

Una giovane vita stroncata dal Coronavirus, morta la food blogger Elisabetta Barale: aveva 44 anni e aveva il diabete.

(Facebook)

Si è spenta nelle scorse ore all’ospedale Carle di Confreria, dov’era ricoverata dal 25 ottobre, Elisabetta Barale, 44 anni, impiegata presso la “Allitude” di Borgo San Giuseppe a Cuneo. La donna aveva contratto il Coronavirus e sembrava stesse meglio, dopo la fase acuta dell’infezione. Ma successivamente le sue condizioni erano precipitate.

Leggi anche –> Roby Facchinetti rivela le ultime parole di Stefano D’Orazio

Originaria di Madonna dell’Olmo, dove era cresciuta e aveva sempre abitato, la donna era anche affetta da diabete, che a quanto pare avrebbe influito nel peggioramento delle sue condizioni. Elisabetta Barale era laureata in Giurisprudenza all’Università di Torino, quindi aveva lavorato in una concessionaria di auto. Era molto apprezzata per le sue qualità umane.

Leggi anche –> Stefano D’Orazio, un altro lutto per la moglie Tiziana: morto anche il padre

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Elisabetta Barale, la food blogger morta di Coronavirus

Oltre che essere una instancabile lavoratrice, ben voluta da tutti, la donna era molto dinamica e intraprendente, ed era davvero una grande appassionata di cucina. Per tale ragione, da qualche tempo – attraverso il portale Giallozafferano – aveva aperto il blog “Pronto e sfornato”. Qui praticamente con una cadenza costante e grande premura e assiduità forniva centinaia di ricette e consigli sulla tavola.

Elisabetta Barale era soprattutto esperta di cene e in particolare di quelle che si tengono nei periodi festivi, come ad esempio quelle pasquali e natalizie. Appassionata di montagna, era grandissima tifosa dell’Inter e inoltre amava molto la danza. Lascia il marito Riccardo Isaia, le sorelle Cristina, Paola e la nipote Mira. Meno di due mesi fa, la famiglia aveva subito un altro lutto: quello della morte di Piera, mamma della blogger.