George Best, chi era il grande calciatore morto il 25 novembre 2005

George Best è uno dei calciatori più importanti della storia del calcio: tra vita sfrenata e colpi di genio in campo, una storia incredibile

George Best

Un simbolo per tanti, un genio per molti: George Best è considerato uno dei migliori calciatori di sempre. Il classico giovane nordirlandese con i capelli lunghi, molto intelligente che cercava di attirare l’attenzione su di sé. Un talentuoso giocatore che si divertiva giocando, ma pensava anche alla vita sfrenata fatta di fama e ricchezza e con migliaia di bellissime donne che lo circondavano. Best è riuscito a trionfare vincendo il Pallone d’Oro all’età di 22 anni: una carriera che è stata sempre intervallata da episodi poco gradevoli, come l’alcolismo, la guida in stato di ebrezza, il carcere per resistenza a pubblico ufficiale. Per anni è stata la bandiera del Manchester United prima di volare in giro per il mondo, tra Sudafrica, Stati Uniti, Scozia e Hong Kong. L’altra sua passione erano le donne, avendo avuto così ben 7 Miss Mondo.

Leggi anche qui –> Morto Ezio Vendrame, il calciatore ribattezzato George Best italiano

George Best, un rapido declino per la star del calcio

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI 

Era diventato un simbolo per il suo tenore di vita, ma alla fine non ce l’ha fatta. Il suo declino è stato rapido tra problemi economici e quelli soprattutto con il vizio dell’alcol. Nel 2002 Best si era sottoposto ad un trapianto di fegato visto che a causa dell’alcol le sue funzionalità si erano ridotte al 20%. Anche nel 2005 fu ricoverato immediatamente con una foto sdraiato sul lettino con un volto impallidito che fece all’epoca il giro del mondo: il 25 novembre 2005 la star Best si è spento al Cromwell Hospital di Londra a causa di un’infezione epatica.

George Best