Freddie Mercury, la verità sulla malattia e sulla morte del cantante

Freddie Mercury, gli ultimi anni di carriera, la scoperta della malattia e la causa della morte prematura del cantante dei Queen.

Oggi è l’anniversario, il ventinovesimo, della scomparsa di Freddie Mercury, l’iconico cantante della band rock britannica, i Queen. L’artista è morto a causa di una broncopolmonite aggravata dal virus dell’Hiv che da anni ne aveva minato la salute e che lo avrebbe inevitabilmente portato alla morte. All’epoca, infatti, non c’era alcuna cura valida per la malattia e contrarla equivaleva ad una lenta condanna a morte.

Leggi anche ->Freddie Mercury, l’ultimo video prima di morire: immagini devastanti

Già da tempo la sua carriera si era bloccata proprio a causa delle conseguenze della malattia. Freddie mantenne il segreto con la stampa fino a due giorni prima della sua morte, sebbene nell’ambiente le voci circolassero da qualche anno e gli fosse stato chiesto apertamente se fosse malato di Hiv. L’annuncio è stato dato ai media ed al pubblico tramite un comunicato stampa in cui si leggeva:

“Desidero confermare che sono risultato positivo al virus dell’HIV e di aver contratto l’AIDS. Ho ritenuto opportuno tenere riservata questa informazione fino a questo momento al fine di proteggere la privacy di quanti mi circondano. Tuttavia è arrivato il momento che i miei amici e i miei fan in tutto il mondo conoscano la verità e spero che tutti si uniranno a me, ai dottori che mi seguono e a quelli del mondo intero nella lotta contro questa tremenda malattia”.

Leggi anche ->Tu si que vales, Giordano Concetti: il ‘sosia’ di Freddie Mercury

Freddie Mercury: la verità sulla malattia che uccise il cantante

Ad inizio anni ’80, Freddie si è lasciato andare ad uno stile di vita dissoluto, a party sfrenati conditi da alcol e incontri casuali. In quello stesso periodo c’è stata la separazione dai Queen ed il tentativo di una carriera solista che non è andata a buon fine. Dopo anni di quella vita, il cantante si rende conto che il suo corpo ha dei problemi gravi. Nell’ottobre del 1986 si sottopone ai test sierologici per l’hiv e scopre di di avere l’Aids.

Mercury mantiene il segreto con tutti, sia con il parenti che con i colleghi della band, con i quali nel frattempo è tornato a comporre musica. Nell’ambiente si comincia a mormorare che sia malato, ma lui nega fermamente e si fa crescere la barba per nascondere i segni del morbo di Kaposi. Nel 1990, quasi 4 anni dopo la scoperta, l’artista comunica la tragica notizia ai Queen e ai suoi familiari, chiedendo in ogni caso di mantenere il riserbo. Nel novembre del ’91 prende una broncopolmonite che gli sarà fatale.