Brumotti salvato dai carabinieri a San Basilio: “Ti devono tagliare la gola”

Striscia la Notizia, Brumotti minacciato più volte a San Basilio: intervengono le forze dell’ordine, stava per finire malissimo.

L’inviato di Striscia la Notizia Vittorio Brumotti si è ritrovato di nuovo in una situazione pericolosa a San Basilio, malfamato quartiere romano. Brumotti era lì per proseguire la sua “missione” di liberazione e ripulire le piazze romane dallo spaccio di droga, ma non è stato ben accolto: “Ti devono tagliare la gola, ti devono proprio ammazzare”, “Ti ammazzo come un cane, maledetto!” e “Ti taglio tutta la faccia, infame” sono solo alcune delle minacce che l’inviato ha ricevuto durante la registrazione del servizio. C’è stato bisogno dell’intervento delle forze dell’ordine per evitare che la situazione degenerasse in una vera e propria caccia all’uomo, e Brumotti finisse male. Il servizio di Striscia la Notizia andrà in onda stasera su Canale 5 alle ore 20.35.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Striscia la Notizia, Brumotti accolto con insulti e lancio di oggetti a Trento

Brumotti salvo solo grazie all’intervento delle Forze dell’Ordine

“Qui c’è un vero e proprio supermarket della droga, uno dei più grandi in Europa, aperto 24 ore su 24 e gestito dalle potenti ‘ndrine calabresi e dalla mafia albanese”, racconta Brumotti. Nonostante il tragico epilogo dell’intervento, l’inviato ha comunque ottenuto lo stop momentaneo di alcuni pusher e delle loro attività di spaccio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

La battaglia contro la droga a San Basilio è combattuta anche da don Antonio Coluccia, il prete messo sotto scorta, che da mesi prova a riqualificare la zona. Intervistato da Brumotti, il prete ha detto: “Presidiamo questo luogo tutti i giorni da quattro mesi e cerchiamo di fare prevenzione, ma per molti dei residenti io sono ancora ‘il prete infame'”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Striscia la notizia (@striscialanotizia)