Paolo Conticini, la confessione: “Ho scavato dentro di me”

Paolo Conticini ha fatto un bilancio nella giornata che precede la finale di Ballando con le Stelle, raccontando le sue sensazioni. 

E’ tempo di bilanci per tutti i protagonisti di “Ballando con le Stelle“, visto che questa sera andrà in onda la finale e si scoprirà quale tra le coppie ancora in gara sarà la vincitrice dell’edizione 2020.

LEGGI ANCHE -> Ballando, Roberto Alessi avverte: “Rischia di vincere Paolo Conticini”

LEGGI ANCHE -> Paolo Conticini, l’esperienza da spogliarellista: “Ho rischiato di essere impallinato”

Paolo Conticini, insieme alla maestra di ballo Veera Kinnunen, è tra i concorrenti arrivati in finali a “Ballando con le Stelle” e, in un’intervista rilascia al settimanale Gente, ha fatto un bilancio su come ha vissuto l’esperienza nello show di Milly Carlucci: “Ballando è riuscito a scavare con delicatezza dentro di me. Stupendomi. La semifinale è stata faticosa: abbiamo dovuto costruire una coreografia su un passaggio intimo della vita ed io ho scelto la perdita di mio nonno“. L’attore ha rivelato che ha dovuto provare la performance almeno un centinaio di volte, perché si bloccava a causa delle forti emozioni, in diretta però è riuscito a dare il meglio di sé.

LEGGI ANCHE -> Ballando con le Stelle, Paolo Conticini rivela: “Mi è preso un colpo”

Paolo Conticini, pronto per la finale di Ballando

Durante la sua intervista per Gente, Paolo Conticini ha speso delle bellissime parole per la sua maestra di ballo Veera Kinnunen: “È bravissima, seria, paziente, ha uno spiccato senso dell’umorismo e una sensibilità fuori dal comune. Oltre a essere affascinante. Tra noi c’è stima e rispetto“, ha rivelato l’attore.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

La sintonia che l’attore ha con la ballerina è evidente a tutti, ma Paolo Conticini ha voluto frenare ogni idea di un flirt, in quanto lui è al fianco di Giada Parri da 25 anni e Veera ha un compagno. Riguardo all’esperienza a “Ballando con le Stelle“, ha rivelato che l’ha aiutato ad accrescere la sua autostima: “Io non mi sono mai sentito bello. Da bambino portavo gli occhiali per correggere un lieve strabismo… Sono cresciuto con una base di insicurezza e una marea di dubbi. Sono molto critico con me stesso“.