Lara Fabian: che fine ha fatto la cantante che partecipò a Sanremo

Cosa sapere su Lara Fabian: che fine ha fatto la cantante che partecipò a Sanremo e duettò con Gigi D’Alessio.

(Ethan Miller/Getty Images)

Classe 1970, Lara Fabian, la cantante belga di origine siciliana oggi naturalizzata canadese, ha esordito giovanissima nel 1988 col quarto posto all’Eurovision in rappresentanza del Lussemburgo. In quell’occasione presentò il brano ‘Croire’ e anche grazie a quel concorso iniziò una grande carriera che l’ha portata a vendere 25 milioni di copie nel mondo.

Leggi anche: Che fine ha fatto Osvaldo, ex attaccante di Roma e Juventus?

Nata in Belgio da madre siciliana e padre fiammingo, la cantante ha vissuto nei primi anni della sua vita per qualche anno a Catania. A 5 anni, si trasferisce con la famiglia in Belgio, a Ruisbroek. Dopo la partecipazione a Eurovision, edizione peraltro vinta da Celine Dion, la cantante si trasferisce in Quebec e qui avvia una lunga carriera internazionale.

Leggi anche: Daniela Rosati: che fine ha fatto l’ex moglie di Galliani

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa fa oggi Lara Fabian: il suo successo in Italia

(ANTHONY WALLACE/AFP via Getty Images)

A metà anni Novanta, la Disney la ingaggia per doppiare Esmeralda nella versione francese de Il gobbo di Notre Dame. Quindi arriva il suo debutto discografico prima nel mercato francese, poi in quello anglosassone. Dopo una lunga carriera di successi, a partire dal 2006, avvia una collaborazione con Gigi D’Alessio, che la porta spesso a duettare con il cantautore napoletano. In Italia la conosciamo anche perché nel 2015 ha partecipato a un’edizione del Festival di Sanremo.

Sarà comunque una breve apparizione, perché poi Lara Fabian non riscuote nel nostro Paese il successo che ha riscosso altrove. Invece, ad aprile è riapparsa anche sul mercato discografico italiano, a scopo benefico: ha infatti pubblicato una canzone bilingue italiano e francese, dal titolo “Nos cœurs à la fenêtre“. Gli incassi del singolo vengono devoluti così in beneficenza a enti diversi, tra cui la Protezione Civile italiana.