Ranieri Guerra: “La seconda ondata durerà di più rispetto alla prima”

Ancora un punto di vista interessante svelato da parte del direttore aggiunto dell’Oms, Ranieri Guerra: ecco la sua versione

L’emergenza sanitaria è ancora molto presente in Italia e nel resto del mondo. Così il Governo ha varato nuovi provvedimenti con alcune Regioni che hanno cambiato colore da zona gialla a quella rossa, altre a quella arancione. Così il direttore aggiunto dell’Oms, Ranieri Guerra, è tornato a parlare ai microfoni de “Il Corriere della Sera” svelando novità importanti per il Coronavirus: “La curva sta rallentando. Così tra poco comincerà a scendere di nuovo ma si allungherà nel tempo. Sarà diversa in base alla prima ondata visto che ci sono molti casi su tutto il territorio nazionale”.

Leggi anche: Morto di Coronavirus il serial killer che tenne sotto scacco l’Inghilterra

Leggi anche -> Coronavirus, altre 2 Regioni in zona rossa: Campania e Toscana

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ranieri Guerra, il suo punto di vista sull’emergenza

Successivamente lo stesso Guerra ha svelato: “Sarà un Natale sobrio, anche se i numeri dell’epidemia migliorassero. Sarebbe un grosso errore lasciarsi andare, come è avvenuto in estate. Il quadro è molto chiaro. Il virus si trasmette grazie ai contatti interumani. O li limitiamo spontaneamente con il senso di responsabilità a cui continuiamo a fare appello, oppure ci dovranno essere chiusure imposte con le conseguenze economiche e sociali che ormai conosciamo bene. Una scorciatoia non esiste”.

Infine, per una possibile terza ondata ha rivelato: “Le epidemie seguono quasi sempre questo trend. La curva sarà meno ripida, ma non significa che il virus sparirà del tutto. Come la scorsa estate resterà sotto traccia e prima di allontanarlo per sempre passerà parecchio tempo. Quando i vaccini arriveranno sarà anche necessario agire in fretta per proteggere la popolazione”.