Coronavirus: la poliziotta Manuela Scodes morta a 42 anni

Nuova tragedia legata al Coronavirus: la poliziotta Manuela Scodes morta a 42 anni, lascia tre figli piccoli, strazio tra i colleghi.

(Facebook)

Ancora una volta una giovane vita viene spezzata dal Coronavirus: sta infatti facendo molto clamore, in queste ore, la morte di una donna di 42 anni, agente della Polizia di Stato molto ben voluta soprattutto dai suoi colleghi, ma soprattutto mamma di famiglia. Manuela Scodes infatti aveva tre figli molto piccoli.

Leggi anche -> Coronavirus, altre 2 Regioni in zona rossa: Campania e Toscana

La donna deceduta a causa del Coronavirus e che lavorava nella Questura di Napoli era mamma di Diego di otto anni e di Christian e Gioele, due gemellini che avevano appena quattro anni ognuno. Lascia nel dolore anche il marito Alberto, che è ancora incredulo di fronte alla grave tragedia.

Leggi anche: Morto di Coronavirus il serial killer che tenne sotto scacco l’Inghilterra

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il ricordo di Manuela Scodes, morta a causa del Coronavirus

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

“Sta falciando vite ovunque questo maledetto COVID19. Noi oggi piangiamo quella di Manuela Scodes. 42 anni. Una poliziotta ma soprattutto una mamma e moglie”, è il messaggio della Polizia di Stato apparso su Facebook. La giovane poliziotta deceduta viene ricordata come “una donna solare, sempre pronta ad aiutare chi aveva più bisogno”. Tanti i messaggi di cordoglio: “Manuela non meritava di morire per questo maledetto virus che si sta diffondendo senza freni, non meritava di essere sola quando il suo ultimo respiro l ha accompagnata al Signore”, ricorda una collega.

La sua collega sottolinea come oggi la priorità sia quella di stare soprattutto vicina ai figli della poliziotta deceduta. Nel suo ricordo sottolinea infatti: “Quando dal nostro viso fermeremo queste lacrime dovute, ci rimboccheremo le maniche e faremo quello che sono sicura avrebbe fatto lei per ognuno dei nostri figli… Perché Manu aveva un cuore grande… E non chiedeva mai nulla in cambio…”.