Speranza, nuova ordinanza: cinque regioni in zona arancione

Poche ore fa il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza: cinque regioni in zona arancione, una in quella rossa

Nuova ordinanza firmata nelle ultime ore dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che entrerà in vigore dall’11 novembre 2020. Dopo aver sentito i presidenti delle Regioni coinvolte, saranno da oggi nella zona arancione Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana, Umbria, mentre la Provincia autonoma di Bolzano nell’area rossa. Ecco la nuova divisione in Italia:  in ‘zona gialla’ Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto; in quella ‘arancione’ Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria; infine in ‘area rossa’ ci saranno Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano.

Leggi anche: Campania, da zona gialla ad arancione in pochi giorni: è possibile?

Leggi anche: Dpcm, in vigore le nuove restrizioni: le multe per chi non rispetta le regole

Speranza, possibili nuovi provvedimenti da venerdì

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Almeno fino al prossimo venerdì non ci saranno nuove ordinanze. Inoltre, come svelato dall’Ansa sulla base dell’ultimo monitoraggio, sarebbe opportuno anticipare misure più restrittive per altre regioni. Il monitoraggio delle Regioni continua senza sosta con l’intento di contrastare ancora una volta l’emergenza sanitaria, sempre più presente sul territorio nazionale. L’obiettivo è quello di evitare un lockdown generalizzato facendo così di fatto tutt’Italia zona rossa. Il Governo vuole continuare su questa linea perché crede che sia quella migliore per flettere la curva dei contagi. Qualche piccolo risultato già si è visto nell’immediato, ma il lavoro non finisce proprio ora. Non c’è bisogno di rilassamento tra le persone, che dovranno così continuare a rispettare le norme anti-Covid per uscirne ancora una volta dopo l’exploit degli ultimi casi.