Pomeriggio 5, Gabriele Paolini la combina grossa: “Sei uno sciacallo”

Collegamento in esterna a Pomeriggio 5, arriva Gabriele Paolini e ancora una volta la combina grossa: “Sei uno sciacallo”.

(screenshot video)

Polemica via web contro il noto disturbatore seriale di trasmissioni televisive, Gabriele Paolini, che nel corso della diretta della trasmissione Pomeriggio 5 da Roma, fuori dalla chiesa degli Artisti, non perde occasione per farsi notare. L’inviato del programma di Barbara D’Urso sta parlando dei funerali di Stefano D’Orazio, quando appare il disturbatore.

Leggi anche: Gabriele Paolini, il disturbatore tv condannato per pedofilia

Gabriele Paolini ne combina un’altra delle sue e stavolta la combina più grossa del solito: grande è infatti la commozione per la morte del batterista dei Pooh ed è inevitabile che il disturbatore seriale finisca per essere accusato di sciacallaggio. “Che schifo”, reagiscono gli utenti via Twitter.

Leggi anche: Eleonora Daniele, la fase 2 di ‘Storie Italiane’ viene disturbata da Gabriele Paolini

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Polemiche contro Gabriele Paolini “sciacallo” a Pomeriggio 5

Tra i commentatoti qualcuno osserva: “Paolini sta palesemente sciacallando il dolore altrui. Ma anche in questi contesti? Resta pur sempre una enorme mancanza di rispetto”. Oppure: “Paolini ha esagerato. Come sempre”. In moltissimi sottolineano come il noto disturbatore seriale sia stato eccessivamente fuori luogo in questa occasione. “Ma è ancora a piede libero?”, domanda un utente, facendo probabilmente riferimento alla condanna in Appello per pedofilia.

Ma c’è un’altra polemica in questi minuti e riguarda Barbara D’Urso, la quale ha sottolineato di non aver potuto partecipare al funerale di Stefano D’Orazio, nonostante avesse potuto entrare in chiesa. La conduttrice è stata presa di mira da molti, che evidenziano come il suo sarebbe stato un atteggiamento sbagliato. Tanti però la difendono e ricordano che Pomeriggio 5 viene registrato a Milano e i funerali erano a Roma, facendo notare anche le restrizioni per quanto concerne gli spostamenti.