Cristiano Ronaldo, la Juventus vuole venderlo a fine stagione

Secondo i media britannici la Juventus sta cercando acquirenti per Cristiano Ronaldo. L’asso portoghese potrebbe andare via a giugno.

Si fanno sempre più insistenti le voci secondo cui Cristiano Ronaldo potrebbe lasciare la Juventus già a giugno 2021. L’asso portoghese ha un contratto da 28 milioni di euro netti a stagione sino a giugno 2022, ma il club bianconero non sembra intenzionato a rinnovarlo. I motivi di questa decisione sono chiari: Cristiano Ronaldo a febbraio compirà 36 anni e a fine contratto ne avrebbe già 37. Un rinnovo porterebbe il club a tenerlo in rosa sino almeno a 38 anni, età in cui potrebbe abbassare non poco le sue prestazioni in campo.

Leggi anche ->Georgina, look da 50mila per la compagna di Cristiano Ronaldo

In questi due anni e mezzo di permanenza a Torino, CR7 ha segnato la bellezza di 71 reti in 94 presenze. A livello di prestazioni, dunque, ha confermato di essere un giocatore fuori dalla norma. Tuttavia il suo apporto non è stato determinante in Champions League come ci si sarebbe attesi e l’infortunio occorso ieri durante il match con la Lazio fa temere sulla sua stabilità fisica nel prosieguo della stagione e nella prossima.

Leggi anche ->La dieta di Cristiano Ronaldo: cosa mangia per essere un campione

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cristiano Ronaldo, la Juventus lo vuole vendere a giugno?

Sul valore del calciatore, ancora oggi, nessuno discute. Ciò che preoccupa sono le condizioni fisiche e l’avanzamento dell’età. Il fattore determinante, però, è quello economico. Cristiano Ronaldo guadagna 28 milioni di euro l’anno, 540 mila euro a settimana, 4 volte più del secondo calciatore più pagato in rosa (De Ligt). Un rinnovo su queste cifre sarebbe inaffrontabile per la società, specie in un periodo in cui il Covid ha dimezzato gli introiti e annullato quelli derivanti dai biglietti dello stadio e degli abbonamenti.

In questo momento storico, dunque, Agnelli e la Juventus non sono intenzionati a rinnovare il contratto del lusitano e temono di poterlo perdere a costo zero a giugno 2022. Se questo accadesse la dirigenza non recupererebbe nulla dell’ingente esborso economico effettuato nel 2018 (100 milioni di euro versati al Real). L’obiettivo, dunque, sarebbe proprio quello di rientrare in parte dell’investimento con una cessione (50-60 milioni di euro?) e guadagnare anche dal risparmio dell’ingaggio. Se questa operazione riuscisse, entrerebbero nelle casse bianconere dai 78 ai 88 milioni di euro spendibili nel mercato estivo.