Kamala Harris, chi è la prima vicepresidente donna, nera e indiana degli Usa

Kamala Harris ha scritto un nuovo capitolo nella storia americana. Scopriamo la vita e la carriera di questa donna straordinaria. 

(Scott Olson/Getty Images)

La Harris ha vinto le elezioni USA 2020 al fianco di Joe Biden. Questa vittoria la rende un’emblema nazionale perché è la prima donna nera ad ottenere il ruolo di vicepresidente degli USA. Kamala Harris è senza dubbio diventata il simbolo dei nuovi scenari politici che si apriranno dopo le elezioni.

Leggi anche -> Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti

Fin dall’inizio Biden aveva dichiarato di volere una donna come sua vice, tanto che si era vociferato che potesse essere fiancheggiato da Michelle Obama. Quando il nome della Harris è diventato ufficiale, il duo ha avuto subito grande sostegno sia dall’ex presidente Obama sia dagli elettori. La nuova vicepresidente ha alle spalle una carriera brillante e ha delle idee indubbiamente progressiste.

Chi è Kamala Harris, vita privata e carriera politica

Classe 1964, cresce ad Oakland (California) con il padre di origini giamaicane e  la madre indiana. I genitori divorziano presto e la Harris cresce con la sorella Maya e la madre Shyamala Gopalan Harris. Durante la crescita ha come riferimento proprio il suo genitore che ai tempi era una ricercatrice per il cancro e attivista per i diritti civili. Kamala ottiene una laurea in legge alla Hasting (California) e inizia una brillante carriera giuridica nella contea di Alemanda. La Harris è sposata con Douglas Emhooff e non ha figli. Suo marito sarà il primo ad assumere la qualifica di “second gentleman” degli Usa.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il successo non tarda ad arrivare e nel 2003 diventa la procuratrice distrettuale di San Francisco. Sarà subito un baluardo delle minoranze in quanto dal 2011 al 2017 è la prima procuratrice donna, nera e asiatica della California. Sempre nel 2017 è nominata senatrice dello Stato. E’ proprio nella sua città natale che lancia la sua candidatura per la Casa Bianca, ma non riesce a conquistare gli elettori. La sua corsa finisce a dicembre 2019 e a marzo sostiene pubblicamente Biden dicendo che l’avrebbe aiutato a diventare il prossimo presidente Usa. Kamala Harris è stata anche criticata per l’essersi dichiarata una “procuratrice progressista“. E’ stata spesso accusata di aver combattuto i reati in modo troppo duro (in particolare quelli commessi dai neri) e di non essere intervenuta abbastanza per limitare la brutalità della polizia di Los Angeles. “Kamala is a cop” (Kamala è una poliziotta) è un ritornello molto conosciuto nell’ala più progressista del partito liberale. Prima di dimettersi da procuratrice ha aperto delle indagini sui diritti civili in due dipartimenti di polizia in California e ha ideato un database sull’uso della forza degli agenti.

Leggi anche -> Jill Biden: la moglie del candidato alla Casa Bianca ha origini italiane