Vaccino Coronavirus | parte la ricerca di 300 volontari per i test

La società AstraZeneca e l’Università di Oxford hanno messo a punto il loro prototipo del vaccino Coronavirus. Ora si cercano dei soggetti su cui testarlo.

vaccino Coronavirus volontari
Via al reclutamento di 300 volontari per il vaccino Coronavirus Foto dal web

AstraZeneca è alla ricerca di volontari per il vaccino Coronavirus che la stessa azienda biomedica sta sviluppando da mesi, con la collaborazione dei ricercatori dell’Università di Oxford, in Inghilterra.

Leggi anche –> Coronavirus, la previsione di Conte: “A Natale niente veglioni e abbracci”

La società punta a reclutare 300 persone nel breve periodo per potere effettuare la sperimentazione diretta sulle persone, nell’ottica di potere realizzare e poi distribuire su larga scala nei prossimi mesi un vaccino Coronavirus capace di tenere finalmente sotto controllo la malattia. La tabella di marcia di AstraZeneca prevede delle fasi di osservazione clinica anche in Italia, per la precisione in sette centri appositamente scelti. Di questi 300 soggetti, in 200 riceveranno il prototipo effettivo nella sua fase finale. Ad altri 100 verrà somministrato invece un placebo, con però la possibilità anche per loro di potersi sottoporre al siero.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI.

Leggi anche –> Dpcm, tutte le misure: zone rosse, gialle, arancioni, cosa si può fare

Vaccino Coronavirus, Irbm Pomezia lo distribuirà in Italia

Chiaramente gli esperti coinvolti puntano a non rilevare alcun effetto collaterale. Il profilo richiesto per il reclutamento di volontari richiede che i soggetti siano perfettamente sani o comunque con delle patologie stabili. L’età non è una discriminante, basta essere maggiorenni. Il periodo di osservazione durerà due anni, allo scopo di comprendere i tempi richiesti per l’immunità al virus. Da aprile 2021 poi dovrebbe cominciare la realizzazione delle prime dosi da distribuire in vari Paesi. Ma i ricercatodi di Oxford parlano anche di una possibilità, per quanto limitata, di potere produrre il vaccino già entro questo Natale. In Italia sarà il Laboratorio Irbm di Pomezia ad incaricarsi della sua distribuzione.

Leggi anche –> Seconda ondata | le previsioni nerissime del Gimbe | ‘Sarà un massacro’