Claudia Ferrarini, chi era la 28enne morta in un incidente stradale

La giovane Claudia Ferrarini è scomparsa in un tragico incidente stradale: scopriamo chi era la ventottenne residente a Torino.

Domenica 1 novembre Claudia Ferrarini si trovava in strada a Livorno, a bordo di un motorino insieme ad un ragazzo. Quella sera si sarebbe dovuta concludere in maniera serena a casa, ma durante il tragitto, per cause ancora al vaglio degli inquirenti, ha perso il controllo del motorino e si è andata a schiantare. L’impatto, avvenuto in via Boccaccio, è stato talmente violento da ucciderla sul colpo. Quando i soccorritori sono giunti, per la ragazza non c’era nulla da fare, mentre il giovane che era con lei è stato trasportato d’urgenza in ospedale.

Leggi anche ->Coronavirus, la previsione di Conte: “A Natale niente veglioni e abbracci”

Ieri si sono tenuti i funerali alla parrocchia del Sacro Cuore, in via Bonanno Pisano. A celebrare le esequie è stato monsignor Roberto Filippini, vescovo di Pescia, insieme a don Pietro Pierini, cappellano del Sacro Cuore. L’affluenza di parenti e amici è stata numerosa, sebbene per le norme anti-covid non tutti sono potuti entrare ed hanno dovuto partecipare restando fuori, sotto la pioggia. A seguire la messa all’interno c’erano in prima fila le quattro sorelle di Claudia: Giulia, Silvia, Anna e Elena. Una fila più indietro c’erano il fratello più piccolo Andrea ed i genitori Daniela ed Eleuterio.

Leggi anche ->Cadavere in decomposizione | trovato in campagna dopo anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Claudia Ferrarini, chi era la 28enne deceduta a Livorno

Nata e residente a Torino, Claudia Ferrarini era una splendida ragazza con un futuro brillante davanti. A soli 28 anni era già architetto e stava cercando di costruirsi una strada lavorativa che le avrebbe permesso di realizzare i suoi sogni. Solare e simpatica, Claudia aveva moltissimi amici e da poco si era anche fidanzata. Lo hanno ricordato proprio gli amici nel giorno della sua scomparsa: “Si era appena fidanzata, che belli insieme”.

Commoventi le parole del padre, affranto per la scomparsa di una figlia e di una ragazza meravigliosa: “Lacrime, dolore e incredulità si sono alternate in queste ore drammatiche. Ma, credetemi, ho ripercorso i giorni felici di un breve soggiorno in Grecia insieme a lei. In quei giorni mi resi conto di quanto fossi felice come padre e fortunato come uomo”.